buggiano. MOVIMENTO 5 STELLE: TRE MOZIONI APPROVATE IN CONSIGLIO E TARI SENZA AUMENTI

Approvato tra l’altro il conferimento della cittadinanza onoraria al magistrato Nicola Gratteri e l’intitolazione del campino dietro le scuole elementari a Benito Lorenzi “Veleno”

Danilo Ricci

BUGGIANO. Il Movimento 5 Stelle di Buggiano esce dal consiglio comunale, tenuto venerdì 30 luglio, con ben tre mozioni approvate.

Con una mozione è stato approvato il conferimento della cittadinanza onoraria al magistrato Nicola Gratteri, in sostegno ad uno dei magistrati italiani più esposti nella lotta alle organizzazioni mafiose. È doveroso mostrargli pubblicamente vicinanza e riconoscergli il lavoro coraggioso ed encomiabile portato avanti incessantemente da decenni, in difesa dello Stato e dei cittadini. La mozione ha ricevuto voto favorevole da parte di tutti quanti i presenti tranne il consigliere Grifò che si è allontanato dall’aula all’inizio della lettura della proposta.

Pur non conoscendo i motivi per cui Grifò si è allontanato, il M5S crede fermamente che la lotta alla mafia non debba avere colore politico.

Parere favorevole anche per la mozione che chiedeva la sistemazione dell’area cani vicino alla stazione per quanto riguarda le recinzioni, le panchine e un camminamento che possa facilitare il percorso (specialmente nel periodo invernale) a coloro che usufruiscono dell’area.

La terza mozione approvata è quella che riguarda l’intestazione del campino dietro le scuole elementari (o altra area di Buggiano) al cittadino benemerito Benito Lorenzi detto Veleno. Calciatore e allenatore ha portato il suo nome alla ribalta nello scenario calcistico e ha reso orgogliosi i suoi compaesani, tuttora suoi estimatori. È giusto che venga onorato e che rimanga nella memoria anche negli anni a venire.

Il Movimento 5 stelle si ritiene soddisfatto soprattutto di riconoscere nel sindaco un interlocutore disposto all’ascolto e quindi alla collaborazione.

Senza approvazione la mozione M5S sulla Tari messa sul tavolo mesi fa, che chiedeva il mantenimento delle tariffe al 2019, senza così l’imposizione di eventuali aumenti.

Il consigliere Danilo Ricci ha avuto modo però, durante lo stesso consiglio del 30 luglio, di riscontrare con piacere la messa in atto della proposta che, pur non avendo visto l’approvazione, ha ottenuto il risultato auspicato. I cittadini non riceveranno aumenti sulle bollette.

Non è indispensabile strappare l’approvazione di una mozione bensì riuscire a far arrivare una proposta sul tavolo. L’importante è far sì che si porti avanti un dialogo che faccia scaturire le scelte più giuste nell’interesse esclusivo dei cittadini.

Una nota dolente da evidenziare: con le assenze di Gherardi e Bernardi, e l’abbandono dell’aula da parte di Grifó, il M5S rimaneva unica opposizione in aula. Cosa non da poco visto che, dopo tutti i voti ricevuti, i cittadini si ritrovano non rappresentati.

[m5s buggiano]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email