calcio. PONTE AI TIGLI, NIENTE PALIO MA TRIONFO DELLA SOLIDARIETÀ

Una fase di gioco della partita col rione Mercato
Una fase di gioco della partita col rione Mercato

AGLIANA. Tutto per la vittoria? No, al Ponte ai Tigli, rione aglianese, non è così. Certo, nessuno nega che il successo nel torneo calcistico dei rioni manchi, che sia inseguito da sempre come fosse la Chimera, che piacerebbe finalmente fare festa. Una festa completa, a tutto tondo. Non si è ipocriti. Ma poi ci si accorge che l’importante no, non è partecipare, ma fare gruppo sì. Fare spogliatoio, tanto per restare in tema pallonaro.

Questo è quello che al momento è il rione del Ponte ai Tigli. Persone affiatate, che per un anno pensano, immaginano, progettano quel che sarà il Palio calcistico dei Rioni di Agliana. Si preparano a puntino, ad hoc. E poi, anche se svanisce l’obiettivo, l’affermazione appunto, si consolano riflettendo sui veri valori della vita. Né da vinti né da vincitori.

Sì, perché durante l’esistenza ci vuole anche un po’ di ambizione, l’ambizione di vincere. Ma non basta. Non può essere sufficiente: non si può divenire schiavi di un primo posto. Anche quest’anno, non è andata. O meglio: è andata benino, ma tutto ciò non è bastato per raggiungere la finale, per giocarsi l’ambito trofeo, al termine portato a casa dal rione Mercato, proprio la compagine che ha eliminato il Ponte ai Tigli.

A giochi fatti, però, la festa c’è stata ugualmente, tutti a cena in zona-Parco Pertini e quel che è più importante, si è sorriso. Tra un bicchiere di vino e del semplice, buon cibo.

La cena alla Festa della Birra. 1
La cena alla Festa della Birra. 1

L’occasione è stata propizia anche per attribuire il Premio Pinzi-Millanti, che ogni anno insignisce colui o coloro che ha/hanno interpretato al meglio lo spirito del rione. Se lo sono aggiudicati il segretario “mister entusiasmo” Fabrizio Ciottoli e il calciatore Mattia Massaro. Negli anni passati aveva sancito il plauso al tandem Andrea Abbri – Fabio Nesti (2012), a Saverio Lunich nel 2013, Alberto Fabbri e Fabrizio Ciottoli (sempre lui) nel 2014 e alla famiglia Innocenti nel 2015.

Bravi tutti, però. Elogi per la formazione del rione presieduto da Enrico Santini (vice presidente Moreno Torracchi, segretario Ciottoli appunto, rappresentante eventi e contabile Luisanna Baroncelli, responsabile sfilata Sandra Nesti, dirigenti Roberto Bigliazzi, Mirko Sposaro, Pietro Macaluso, Rossano Innocenti, Mirko Meoni, Gianni Gorgeri, Gabriele Durante e Marco Gabellini), che ha cercato di fare dell’esperienza complessiva e del valore del proprio reparto offensivo i propri punti di forza per conquistare un risultato lusinghiero nella competizione.

La cena alla Festa della Birra. 2
La cena alla Festa della Birra. 2

Applausi all’équipe diretta da Alessandro Innocenti (vice allenatore Giacomo Barcaioli, accompagnatore il già citato Sposaro, massaggiatore Marco Gargiani), che ha potuto contare sul portiere Riccardo Bini, sui difensori Alberto Fabbri, Saverio Lunich, Matteo Colangelo, Samuele Crisci, Samuele Carlesi, Francesco Macaluso, Nicola Carlesi, Maurizio Tonti, Andrea Baldi e Luca Meoni, sui centrocampisti Alessio Fusco, Marco Torracchi, Gabriele Zingarello, Edoardo Scatizzi, Andrea Minighetti, Federico Crisci, Marco Lombardi e Niccolò Tascone, sugli attaccanti Alessio Zingarello, Giacomo Giusti, Mattia Massaro, Francesco Fabbri e Ivan Russo.

Ciliegina sulla torta, la solidarietà. Quanto, infatti, incassato dal rione all’apericena organizzato al bar Dive Cattive di via Matteotti ad Agliana e al momento conviviale “A cena nell’aia”, all’interno della Festa della Birra allestita da Amici Miei, sarà devoluto in beneficenza. Miglior successo di questo non potrebbe esserci. Si badi bene: senza retorica (anche se le sconfitte, come tutte le sconfitte, bruciano).

[Gianluca Barni]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento