cambattenti e reduci. LA SCOMPARSA DEL PRESIDENTE SERGIO PAOLIERI

Fino al 2 novembre scorso il commendatore Paolieri ha guidato l’associazione nazionale da cui si era dimesso per motivi di salute

Sergio Paolieri

PRATO. [a.b.] Il 2 novembre scorso, per motivi di salute, aveva rassegnato le dimissioni da presidente nazionale dell’associazione Combattenti e reduci  lasciando il posto al cavaliere Gino Gheller.  Oggi è la stessa federazione pratese ad annunciare la scomparsa del commendatore Sergio Paolieri.

Promotore di numerose attività sociali, Paolieri è stato per anni il presidente dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci di Prato ed ha presieduto anche l’Associazione Nazionale Autieri d’Italia. Ha collaborato inoltra all’apertura del Museo “Casa delle Memorie di Guerra per la Pace”, presso la Casa del Combattente.

“Un uomo – si legge in un messaggio – che ha segnato la storia dell’Associazione sia a livello locale che nazionale ed ha dedicato molti decenni della sua esistenza al servizio della comunità locale con grande passione e meriti”.  Grande rammarico è stato espresso anche dal nazionale: “Solo pochi giorni fa avevamo dato notizia delle sue dimissioni.

L’assocazione, grata per i tanti anni spesi alla sua guida, si stringe attorno al dolore della moglie Lola e della figlia Renza.

Il personale ed i soci tutti si inchinano nell’ultimo saluto ad un uomo che tanto ha dato alla causa combattentistica”.

Gli aderenti dell’associazione Combattenti e reduci di Prato e della “Casa delle Memorie di Guerra per la Pace” saluteranno domani la salma presso la Pubblica Assistenza di via San Jacopo 34 a Prato.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email