carabinieri. ALBANESI IN FUGA, DUE ARRESTI

Dopo l'inseguimento. 1
Dopo l’inseguimento. 1

AGLIANA. Due persone arrestate per resistenza a pubblico ufficiale, furto e ricettazione, nel corso di un’operazione nella quale sono rimasti feriti quattro militari.

Si è conclusa alle due di questa notte, nella frazione della Ferruccia di Agliana, la folle fuga di due giovani di origine albanese residenti a Pistoia, sorpresi a bordo di una Ford Fusion, rubata il 17 maggio scorso in via di Loreto a Pistoia a una 50enne di Ponte Buggianese.

Poco prima l’auto era sfuggita ad un posto di controllo effettuato dai militari della locale stazione in via Ceccarelli a Quarrata.

Gli occupanti della Ford non avevano ubbidito all’alt intimatogli e dopo avere speronato uno dei due mezzi di servizio si erano dati alla fuga a forte velocità in direzione di Agliana.

Nella frazione della Ferruccia, in via Carlo Marx, i due mezzi militari, un’ auto civetta e una con i colori istituzionali, dopo avere raggiunto i fuggitivi sono stati deliberatamente e violentemente urtati dalla Ford nel vano tentativo di sfuggire ancora una volta alla cattura.

Tale manovra ha provocato l’uscita di strada sia della Ford che dei mezzi di servizio che, dopo uno balzo di un paio di metri nella scarpatella adiacente, sono andati a schiantarsi in un campo incolto.

Dalla Ford cappottata i due occupanti hanno tentato di fuggire a piedi ma sono stati inseguiti e bloccati dopo una breve colluttazione dagli stessi militari coinvolti nell’incidente, quattro dei quali sono rimasti feriti.

Nel portabagagli della Ford, c’era una motozappatrice verosimilmente sottratta a uno dei numerosi vivai della zona.

Da circa un mese, i militari del Norm di Pistoia e della Piana Pistoiese sono impegnati in una serie di servizi effettuati prevalentemente nell’arco notturno finalizzati a contrastare il fenomeno dei furti nelle aziende vivaistiche.

Dopo l'inseguimento. 2
Dopo l’inseguimento. 2

Il 17 maggio scorso, la stessa notte nella quale la Ford Fusion era stata rubata, una pattuglia del Norm di Pistoia, nell’ambito di uno di tali servizi, l’aveva notata parcheggiata in una zona appartata di via Ceccarelli a Quarrata mentre due sconosciuti stavano salendo a bordo.

Intimato l’alt, i due avevano bloccato le portiere dall’interno e sebbene uno dei militari dopo avere infranto il finestrino del lato guida fosse riuscito a afferrare il conducente, questi era riuscito a mettere in moto e, accelerando bruscamente, lo aveva costretto a mollare la presa per evitare di essere trascinato.

L’immediato inseguimento da parte della pattuglia si era però concluso dopo poche centinaia di metri per l’imprevedibile foratura di uno dei pneumatici dell’auto di servizio, e nonostante le immediate ricerche effettuate nella zona, protrattesi per tutta la notte, i due fuggitivi, verosimilmente coinvolti in un tentativo di furto in un’azienda vivaistica, non concretizzatosi per l’attivazione di un allarme perimetrico, erano riusciti a eclissarsi.

L’episodio ha fatto ulteriormente incrementare i servizi e i controlli in zona fino all’epilogo di ieri.

I due arrestati, A.P., 36enne con alcune denunce a suo carico, e J.J., 24enne operaio vivaista, sono stati trasferiti nelle camere di sicurezza del Comando Provinciale di viale Italia a Pistoia, in attesa delle determinazioni dell’Autorità Giudiziaria, mentre proseguono le indagini per identificare eventuali complici dei due.

I militari feriti, tutti in servizio presso la Stazione di Quarrata, sono stati trasportati al San Jacopo. I due più gravi, a causa di fratture a un piede e a una costola e vari altri traumi, hanno avuto una prognosi di 25 e 20 giorni. Gli altri due, per traumi minori, se la caveranno con una decina di giorni di prognosi.

[l/a – carabinieri]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “carabinieri. ALBANESI IN FUGA, DUE ARRESTI

Lascia un commento