carabinieri. CONIUGI INCENSURATI ARRESTATI PER FURTO IN UNA VILLA

carabinieri-arrestoCASALGUIDI. Arrestati dai carabinieri della stazione di Casalguidi due coniugi per furto aggravato.

Atttorno alle 16 di ieri, in una villa attualmente non abitata della località Belvedere di via San Martino sul colle, nella frazione di Casalguidi, è scattato l’allarme collegato al 112.

I militari di una pattuglia della stazione, che ben conoscono i luoghi piuttosto isolati ed appartati da cui proveniva l’allarme, caratterizzati da una zona boschiva attraversata da strade bianche alla quale si accede dal territorio del comune di Monsummano, hanno incrociato un fuoristrada con due persone a bordo che tentava di allontanarsi.

Dopo un breve inseguimento i due hanno desistito e hanno obbedito all’alt intimatogli. Le motivazioni del comportamento sospetto dei due, A.D., pensionato 63enne e la moglie, M.S. 60enne, entrambi incensurati e residenti a Chiesina Uzzanese, erano collegate a ciò che i carabinieri hanno poi trovato nel vano bagagli del fuoristrada: alcuni mobili d’antiquariato e varie suppellettili di minor valore che i due avevano sottratto dalla villa nella quale si erano introdotti dopo avere forzato una porta finestra, ignorando che l’immobile, benché disabitato, era dotato di un efficiente impianto antifurto.

Dopo la formalizzazione dell’arresto i due coniugi sono stati accompagnati agli arresti domiciliari in attesa della direttissima mentre la refurtiva è stata riconsegnata ai legittimi proprietari.

carabinieri_112MONTECATINI. Tenta di sottrarsi al controllo aggredendo i militari di una pattuglia della Radiomobile.

È accaduto nella serata di ieri in via Galvani quando un giovane di nazionalità nigeriana che percorreva in bicicletta via Galvani contromano e senza alcun dispositivo luminoso, è stato fermato per un controllo al quale evidentemente non voleva sottoporsi. F.O., 20enne, rifugiato politico senza fissa dimora, ha prima inveito pesantemente contro i militari strattonandoli e spintonandoli, riuscendo in un primo momento a fuggire a piedi.

Inseguito, è stato bloccato dopo una breve colluttazione nel corso della quale ha colpito i militari con calci e pugni.

Arrestato per violenza e resistenza a pubblico ufficiale è stato trasferito nelle camere di sicurezza della Compagnia di via Tripoli, in attesa della direttissima alla quale sarà sottoposto nella giornata odierna.

[l/a – carabinieri]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento