carabinieri. NON RISPETTA I DOMICILIARI, FINISCE IN CARCERE A SOLLICCIANO

Cannabis sativa
Cannabis sativa

LAMPORECCHIO. I militari della locale stazione hanno eseguito un ordinanza di ripristino della custodia cautelare in carcere nei confronti di P.P., 47enne pregiudicato del luogo, che si trovava agli arresti domiciliari per coltivazione illegale ai fini dello spaccio, detenzione illegale di munizioni e porto ingiustificato di coltello.

L’uomo era stato arrestato un anno fa perché trovato in possesso di marijuana, di un coltello e soprattutto di una coltivazione illegale di cannabis nelle pertinenze dell’abitazione, dove furono trovate anche varie cartucce calibro 22 anch’esse illegalmente detenute.

Dopo un breve periodo di detenzione in carcere l’uomo era stato posto agli arresti domiciliari, alle cui prescrizioni non si è però attenuto.

Ieri l’esecuzione del nuovo provvedimento del tribunale di Pistoia, con l’accompagnamento al carcere di Sollicciano.

Overdose [repertorio]
Overdose [repertorio]
MONTECATINI. I sanitari del 118 hanno richiesto l’intervento dei militari del Norm per una persona in overdose soccorsa nel tardo pomeriggio di ieri.

L’uomo, un 47enne di Buggiano con problemi di tossicodipendenza, è stato trovato privo di sensi da alcuni passanti, nel parcheggio sotterraneo del terminal bus di via Foscolo e sottoposto immediatamente alle manovre di rianimazione.

Una volta stabilizzato è stato trasportato all’ospedale di Pescia in prognosi riservata, anche se non in pericolo di vita.

In una tasca del giubbotto che indossava i militari, che procederanno agli accertamenti del caso, hanno trovato una siringa presumibilmente utilizzata per l’assunzione dello stupefacente, la cui tipologia dovrà essere stabilita mediante esami tossicologici successivi.

[l/a – carabinieri]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento