carabinieri. RUBAVA SOLDI ALLA MADRE, DENUNCIATO

PISTOIA. Aveva sporto denuncia una settimana fa presso la stazione carabinieri di viale Italia, perché si era accorta di una serie di prelievi dal proprio libretto postale che era sicura di non avere fatto, per un totale di oltre quattromila euro. Ma non poteva immaginare che l’autore fosse un congiunto peraltro non convivente.

I militari dopo una rapida indagine hanno accertato che il figlio della denunciante, un operaio 53enne residente a Lastra a Signa (Fi), sottraendo di volta in volta il libretto con l’inganno alla madre, aveva fatto i prelievi, otto in totale, in vari uffici postali di questa provincia e in un ufficio postale di Signa fra il dicembre dello scorso anno e il febbraio appena trascorso.

L’uomo, è stato denunciato in stato di libertà per indebito utilizzo di carte di credito o pagamento.

PISTOIA. I militari del Norm hanno arrestato una 31enne di origini bulgare, S.N., residente a Pistoia, per evasione. La donna, sottoposta agli arresti domiciliari disposti dal Gip di Pistoia per un furto aggravato commesso all’interno della Chiesa dello Spirito Santo nel gennaio di quest’anno, è stata sorpresa da una pattuglia della radiomobile mentre transitava a piedi in via delle Mura, lontano dal suo domicilio, in palese violazione degli obblighi impostigli. Nella direttissima di ieri il giudice l’ha condannata a 10 mesi di reclusione, con la sospensione dell’esecuzione della pena e il ripristino degli arresti domiciliari.

SERRAVALLE PISTOIESE. I militari del Norm hanno sottoposto a controllo S.C., pregiudicato 63enne, residente ad Arezzo, il quale è risultato essere un detenuto in regime di semilibertà non rientrato nel carcere di Arezzo presso il quale avrebbe dovuto trovarsi entro le 21 di ieri.

L’uomo, sul cui conto il tribunale di Firenze aveva già emesso un ordine di ripristino della carcerazione e che è stato fermato in via Montalbano mentre era a bordo dell’auto di una persona risultata per il momento estranea alle sue vicende giudiziarie, è stato condotto al carcere di Prato.

PONTE BUGGIANESE. A.B., pregiudicata 27enne di Chiesina Uzzanese, già sottoposta all’affidamento in prova ai servizi sociali, è stata rintracciata e accompagnata al carcere di Sollicciano dai militari della locale stazione.

La donna colpita da un decreto di ripristino della carcerazione del tribunale di Firenze, aveva più volte violato le prescrizioni previste dal programma di affidamento conseguente ad una serie di vicende penali per vari reati contro il patrimonio, nelle quali era rimasta coinvolta.

[l/a – carabinieri]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento