carc pistoia. «CONTRO GLI EFFETTI DELLA CRISI, SCIOPERO GENERALE»

Incontro giovedì 9 novembre a partire dalle 17,30 presso il CSOA Nosotros di Pistoia in via dell'Annona
Logo Carc

PISTOIA. In vista dello sciopero generale dei sindacati di base del 10 novembre, della manifestazione nazionale indetta dalla piattaforma Eurostop per l’11 novembre e di tutte le mobilitazioni che spontaneamente nascono e si sviluppano sul nostro territorio, la sezione Pistoia del P.CARC vi invita a partecipare alla lettura pubblica dell’articolo “27 ottobre e 10 novembre: sciopero generale” (tratto dal foglio di Resistenza n° 10), che si svolgerà giovedì 9 novembre, a partire dalle ore 17,30 presso il CSOA Nosotros di Pistoia in via dell’Annona (zona Hitachi) accanto al mercato ortofrutticolo.

A seguire cena buffet per sostenere le spese legali degli antifascisti colpiti dalla repressione. Info e contatti: 339.1918491 (Cristian).

“Non è di slanci isterici che abbiamo bisogno, ma dei passi misurati dei ferrei battaglioni del proletariato” scriveva Lenin nel 1918. Benché siamo oggi in un contesto molto diverso, il principio è comunque molto importante per tutti coloro che vogliono farla finita con il capitalismo, è una conferma che la rivoluzione non scoppia (non è uno slancio eroico), ma il partito comunista la costruisce aggregando, formando, educando e organizzando i battaglioni della classe operaia e delle masse popolari.

Nella situazione rivoluzionaria in sviluppo di oggi nel nostro paese, questo esercito non c’è ancora, ma c’è il partito comunista, l’ingrediente essenziale perché si formi. L’esercito politico può quindi formarsi e si formerà se il partito comunista è capace di condurre la guerra, le campagne e le battaglie con una giusta concezione del mondo, una giusta strategia e una giusta tattica.

Stanti le condizioni internazionali dettate dal corso della crisi generale del capitalismo, l’obiettivo della guerra popolare rivoluzionaria si sostanzia in questa fase nell’obiettivo tattico di costituire (e imporre ai vertici della Repubblica Pontificia) un governo di emergenza delle organizzazioni operaie e delle organizzazioni popolari, il Governo di Blocco Popolare. Questo obiettivo a sua volta si articola in campagne e battaglie in ogni ambito, forma e contesto in cui si presenta la lotta di classe: dalla lotta politica promossa dalla borghesia alle lotte rivendicative per strappare aumenti salariali e miglioramento delle condizioni economiche e di lavoro, dalle lotte di riappropriazione di beni e servizi alla lotta contro la repressione e la solidarietà di classe.

Da quando nel 2008 è iniziata la fase acuta e irreversibile della seconda crisi generale per sovrapproduzione assoluta di capitale le condizioni complessive di vita e di lavoro delle masse popolari sono peggiorate senza sosta, anche se, ovviamente, ogni capo del governo che si è succeduto ha avuto la faccia tosta di ripetere il ritornello che “la crisi è alle spalle, si vede una ripresa”.

Ma i fatti hanno la testa dura: non solo è cresciuta la disoccupazione e la precarietà, ma cresce anche la mobilitazione spontanea delle masse popolari agli effetti della crisi, la lotta di classe si sviluppa ed estende.

Di questo e molto altro ne parleremo giovedì 09 novembre a partire dalle ore 17,30 presso il CSOA Nosotros in via dell’Annona (zona Hitachi) accanto al mercato orofrutticolo.

https://www.facebook.com/events/143013849760267/

[carc pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento