CARENZA GUARDIA MEDICA. L’ASL: PER ORA ACCORPATE LE SEDI CONTIGUE

La guardia medica è chiusa?

FIRENZE. La problematica di difficoltà di reperire medici che possano ricoprire i turni di Continuità Assistenziale (Guardia Medica) è ormai cronica e si acuisce nei periodi delle festività.

L’Azienda Sanitaria ha messo in atto gli strumenti volti ad incrementare i medici che effettuano questo servizio e, purtroppo, i tentavi esperiti non sempre sono stati efficaci per la disponibilità di un numero sufficiente di professionisti per assicurare la copertura di tutti i turni.

Al momento, relativamente alle zone carenti di Continuità Assistenziale queste sono le azioni intraprese dalla Asl Toscana Centro: la pubblicazione sul Burt – Bollettino Ufficiale della Regione Toscana – (n. 16) del 17.04.2019 di 56 posti – assegnati 26, rimanenti 30; la pubblicazione Sisac – Struttura Interegionale Sanitari Convenzionati — dei 30 incarichi rimasti vacanti – assegnati 9, rimanenti 21 ed è in fase in elaborazione la pubblicazione per 21 incarichi vacanti per i medici iscritti al corso di formazione specifica in medicina generale: il procedimento, salvo imprevisti, si concluderà entro la fine del mese di gennaio 2020. L’Azienda pertanto ribadisce la ferma intenzione di mantenere l’assetto di tutti i punti di Continuità Assistenziale così come oggi sono articolati.

Al fine di garantire il servizio di Continuità Assistenziale alla cittadinanza l’Azienda ha provveduto ad accorpare le sedi contigue, ovvero a garantire il supporto della Centrale Operativa 118.

[ponticelli – asl toscana centro]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email