«CARI DIPENDENTI PUBBLICI, VI STA BENE!»

Debora Serracchiani
Debora Serracchiani

VERSO LE 14, su La 7, spippolando, sono incappato in uno scambio di opinioni gustoso: Matteo Salvini e Debora Serracchiani. In altri termini gli opposti che si toccano (o non si può dire?), la foga gallico-padana dinanzi alla serafica aspirante massaia postcomunista piena di saggezza alla Gandhi.

La Debora apriva le braccia ai migranti e Salvini sparava che andavano affogati, piuttosto che rimandati al mittente.

Ma non è su questo che volevo soffermarmi. Lo vedete dal titolo, che richiama altro.

Siamo venuti al dunque, a un certo punto: dove il dunque è la riforma della pubblica amministrazione.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

E qui Monna Debora ha dato davvero il meglio di sé. Ha detto che la nostra Pubblica Amministrazione è un indistruttibile muro di gomma: e che dunque, se “il Bomba” non ce la fa a accelerare, la colpa non gli può essere addossata.

Come più volte si è detto, il tessuto neoplastico della pubblica dipendenza è formato, almeno al 70%, da sinistresi borghesi o aspiranti Pd e post-Pd. File ingrossate dal partito dell’okkupazione del potere sessantottino e post.

Cari Dipendenti Pubblici, il vestito che la “bella lavanderina” vi ha tagliato addosso vi calza a pennello. Vi sta proprio bene! Vi dona!

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento