“CARLO BINI. UNA POETICA DELL’UMORISMO”

L’invito
L’invito

PISTOIA. Venerdì 8 aprile alle 18, a Lo Spazio di via dell’Ospizio, Laura Diafani presenta il suo saggio Carlo Bini. Una poetica dell’umorismo” (Società Editrice Fiorentina, 2015, pp. 204, euro 16,00).

Intervengono Fabio Bertini e Giovanni Capecchi. Coordina Marcello Paris.
L’evento è in collaborazione con la società pistoiese di Storia Patria.

Ci sono autori che, anziché appoggiarsi a una risposta esterna – più o meno preconfezionata, una ideologia, una scuola di pensiero, una fede, un punto fermo fuori di sé – hanno assunto il vissuto a chiave ermeneutica, a angolo di osservazione.

Come, per esempio, il Guicciardini dei Ricordi, Leopardi, lo scrittore “dilettante”di Svevo. Come Carlo Bini. Incarcerato per sospetta attività mazziniana, nel 1833, Carlo Bini non scrive un libro patriottico.

Scrive un libro di protesta sociale che circola come lettura d’obbligo tra i liberali italiani, anche pistoiesi. Uno dei libri più belli e disperati dell’Ottocento (“Manoscritto di un prigioniero”; ristampato negli ultimi decenni da Sellerio e Quodlibet).

Carlo Bini (Livorno, 1806-Carrara, 1842) è tutto questo: un patriota democratico e presto disilluso, un memorialista umoristico e antieroico, un intellettuale civile che sceglie di non scrivere e quando scrive non pubblica. Sono l’affetto e la stima dei contemporanei che ci hanno trasmesso i suoi “piccoli capolavori” (come ebbe a chiamarli Sebastiano Timpanaro).

L’estro umoristico, la generosa tensione civile e politica che non si stempera nella scelta dell’umorismo ma anzi si corrobora in essa, le fonti classiche accanto a quelle moderne, l’agonistico rapporto con il padre commerciante, le monologanti lettere d’amore sono i temi del volume, a disegnare un ritratto percorso da un fil rouge: il tentativo di ridere delle non raddrizzabili storture politiche, sociali e esistenziali come scelta letteraria e di vita, non per sopravvivenza, ma per conoscenza e per resistenza.

[lo spazio – pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento