carmignano. QUOTE ROSA, ENTRO IL 31 MARZO RIMPASTO DI GIUNTA

La giunta Prestanti
La giunta Prestanti

CARMIGNANO. “Avevamo ragione noi, la giunta del Comune di Carmignano è irregolare perché nella sua composizione non sono state rispettate le quote di genere secondo quanto previsto da una legge dello Stato.

Noi lo avevamo denunciato per primi, poi è subentrata la richiesta al difensore civico del capogruppo del centro destra Mauro Scarpitta che ha portato la questione sul tavolo del difensore civico regionale.

Il sindaco Edoardo Prestanti alla nostra prima segnalazione ha risposto alle opposizioni parlando di attacco strumentale e arrivato in ritardo: “Idee per Carmignano – dice Prestanti – ha presentato alla cittadinanza la futura giunta il 6 di maggio con tanto di dépliant allegato in cui si dichiarava ai cittadini il gruppo dei futuri assessori. Quindi l’intervento delle opposizioni è un atto strumentale e in ritardo di un mese”.

Il palazzo comunale di Carmignano
Il palazzo comunale di Carmignano

“Questo comportamento – prosegue poi Prestanti, cercando di dare forza alla sua argomentazione – dimostra che l’opposizione punta a una strategia distruttiva e poco redditizia, che non tiene conto dell’appello lanciato da me dopo le elezioni a un lavoro costruttivo fatto assieme per il bene dei cittadini”. Prestanti precisa che la giunta è frutto di una scelta consapevole e chiara, da tutti i punti di vista.

Mercoledì sera in consiglio comunale il sindaco Edoardo Prestanti, dopo aver sostenuto ancora una volta sino a pochi giorni fa che il difensore civico regionale non aveva nessuna autorità in merito, ha presentato l’accordo con il Difensore Civico Regionale stesso Lucia Franchini che intima al sindaco di provvedere al rispetto delle quote rosa in giunta entro il 31 marzo 2017.

Questo dimostra, secondo noi del M5S Carmignano, ancora una volta la prevalenza degli interessi di partito a quelli dei cittadini. Questo ritardo infatti è dovuto essenzialmente alla difficile scelta dell’assessore da sostituire tenuto conto dei meri interessi di spartizione dei posti nell’amministrazione.

Ci ritroveremo quindi un assessore che non potrà programmare bene il lavoro nei settori di competenza perché certo della sua sostituzione.

Secondo noi all’errore iniziale, si somma un altro errore evidente che pagherà la collettività. Noi riteniamo inoltre molto gravi le dichiarazioni iniziali del sindaco che ha tentato di ribaltare sulle opposizioni la sua mancanza di conoscenza delle leggi vigenti, e ci pone un dubbio: errore isolato o dobbiamo temere nuove leggerezze in ambiti più importanti?”.

Andrea Bassini
Capogruppo M5S Carmignano

______________

MA NON FACCIAMO I FURBI

SE NON FOSSIMO INTERVENUTI riaprendo la storia con questo nostro articolo, ancora saremmo a mescolare le carte…

Rileggetevelo: è molto istruttivo e fu mandato a tutti, Parrini compreso.

panem et circenses. PD, OVVERO IL PARTITO DI GIANO BIFRONTE

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento