casa delle tecnologie emergenti. IN ARRIVO PER PRATO QUASI 3 MILIONI PER L’INNOVAZIONE DEL DISTRETTO TESSILE-MODA

Pubblicata ieri la graduatoria che finanzia 5 progetti in tutta Italia  

Il Comune di Prato

PRATO. “È una bella notizia per il futuro di Prato: siamo fra i cinque progetti finanziati dal Governo per l’innovazione, che noi decliniamo nel tessile-moda. Questo significa futuro per tutti noi”. Così il sindaco commenta la graduatoria del Cipe pubblicata ieri mattina per il finanziamento di cinque progetti innovativi in tutta Italia, tra i quali quello presentato dal Comune di Prato a favore del distretto tessile-moda.

Si tratta di un progetto da quasi 3 milioni di euro (2.929.700 euro), dei quali 2.723.000 euro finanziati dal Governo, realizzato dal Comune di Prato con il Pin, il dipartimento di ingegneria dell’Università di Firenze, il Cnr (Istituto nazionale di ottica), Tecnotessile, Startup Italia, Sviluppo Toscana e Estracom (che cofinanzierà parte del progetto).

“Abbiamo seguito come Amministrazione questo progetto insieme a partner importanti per fornire uno strumento operativo alle piccole e medie imprese del territorio — sottolinea l’assessore all’Innovazione Benedetta Squittieri —, affinché strumenti come intelligenza artificiale, internet delle cose e blockchain siano integrati nel processo produttivo delle piccole e medie imprese del distretto tessile.

L’assessore Squitteri

Questo significa dare, grazie all’opportunità della sperimentazione 5G, un valore competivo alle nostre imprese del settore tessile-moda e integrare la ricerca di altissimo livello nella realtà delle aziende”. Un progetto che sarà fondamentale anche per rafforzare la presenza di start up innovative legate al manifatturiero sul nostro territorio: “È fondamentale avere un legame tra la ricerca e il mondo produttivo — spiega Squittieri —: fino a oggi a Prato vi è stato un bassissimo numero di start up innovative, in particolare nel settore tessile e nei servizi collegati, oggi con questo finanziamento diamo vita a una delle cinque Case delle tecnologie emergenti che sorgeranno a livello nazionale”.

L’impegno del Comune di Prato nell’intercettare i fondi del Governo per il progetto Prisma – Prato Industrial Smart Accelerator è stato supportato dalle diverse realtà coinvolte: “Come Amministrazione abbiamo sempre lavorato affinchè il nostro distretto potesse intercettare risorse utili allo sviluppo delle imprese e del lavoro — chiosa il sindaco Matteo Biffoni —. Quando si lavora in squadra e si hanno obiettivi chiari poi i risultati arrivano.

Dobbiamo continuare a lavorare in questa direzione sopratutto ora, perché quello che riusciremo a fare nel 2021 sarà dirimente per il futuro della città.

Noto che quando i progetti sono pensati e seguiti dal comune, spesso arrivano i risultati”.

[edr — comune di prato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email