casa di zela. «DAI CAMPI ALLE TRINCEE», LA GRANDE GUERRA DEGLI ULTIMI

La Casa di Zela
Quarrata. La Casa di Zela

QUARRATA. “Dai campi alle trincee. La Grande Guerra degli ultimi”, è il titolo dell’incontro-memoria che si svolgerà domenica 27 agosto, alle 21:15, sull’aia del Museo di Casa di Zela a Caserana di Quarrata.

L’incontro, promosso dal Centro di Documentazione e di progetto “Don Lorenzo Milani”, sarà animato da Fabio Giannelli, storico, Mauro Matteucci, educatore del Centro “Don Milani” e da Maria Celeste e Luciano Vannucci che eseguiranno canti e musiche della Grande Guerra.

Saranno esposti oggetti e reperti della prima guerra mondiale appartenenti alla collezione del museo. La serata ha il patrocinio del Comune di Quarrata e la collaborazione dell’associazione Amici Casa di Zela.

Il manifesto
Il manifesto

“L’iniziativa – scrivono i promotori – si propone di fornire uno strumento di riflessione e di conoscenza per una memoria generatrice di coscienza, nel rispetto di quanti perirono in una guerra, di cui spesso ignoravano le cause, gli obiettivi e i modi, nei quali si sarebbe svolto il conflitto”.

“Nell’incontro saranno ricordati i nomi degli abitanti del territorio caduti nella prima guerra mondiale. Strappare i loro nomi e le loro vicende all’oblio e alla vuota retorica, significa infatti impedire che si vanifichino nella memoria, storia e orizzonti di umanità, tanto più importanti nel complesso e difficile momento attuale.

“Le centinaia di vittime del Comune di Quarrata – allora di Tizzana – lasciarono le loro famiglie, i loro lavori, i loro sogni, per avviarsi verso immani sofferenze concluse con la morte. Sono stati piccoli e in apparenza ininfluenti pezzi dell’immenso ingranaggio bellico, eppure capaci di lasciare un segno nella storia.

Le parole di un grande storico, Mario Isnenghi, sono in questo senso illuminanti: “Il comportamento di milioni di uomini non può essere rinchiuso in formule rigide, nessuno potrà mai spiegare in termini esaustivi perché costoro abbiano affrontato la trincea e la morte. La ricerca storica può arrivare fino a un certo punto, oltre rimane il rispetto per gli uomini e il loro sacrificio”.

[centro don milani – casa di zela]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “casa di zela. «DAI CAMPI ALLE TRINCEE», LA GRANDE GUERRA DEGLI ULTIMI

Lascia un commento