case popolari. BARDELLI (FDI-AN): «CARO MUNGAI, LA NOSTRA ANALISI RISPONDE A VERITÀ»

Patrizio Mungai
Patrizio Mungai

SERRAVALLE PISTOIESE. Ieri sera, 4 gennaio, è stato approvato a maggioranza, con la nostra astensione, il regolamento comunale per l’assegnazione degli alloggi ERP.

Viene introdotto come requisito per l’accesso ai bandi, secondo la legge regionale 41/2015, la residenza quinquennale nel territorio regionale. Si tratta sicuramente di un passo avanti rispetto alla normativa precedente, che non prevedeva alcun vincolo di residenza, anche se ciò a nostro avviso non basta.

Per raggiungere un livello di maggiore equità occorrerebbe richiedere la residenza di almeno cinque anni non tanto nel territorio regionale, ma all’interno del comune, dal momento che i bandi previsti e le relative graduatorie sono comunali o intercomunali.

A differenza della legge 96/1996, quella attuale non consente ai singoli comuni di intervenire, con intento correttivo, aggiungendo ai criteri già fissati a livello regionale ulteriori criteri rispondenti ad esigenze e peculiarità locali, come quello dell’anzianità di residenza. La facoltà  di integrare i requisiti adesso risulta di esclusiva competenza della Regione Toscana.

Eppure la possibilità di prevedere un punteggio a seconda degli anni di permanenza nel comune rispetterebbe maggiormente il principio di ragionevolezza e di riequilibrio sociale, riconoscendo la dovuta attenzione a coloro che sono nativi del luogo o che comunque hanno instaurato rapporti solidi con la comunità civile in cui sono inseriti.

Non si tratterebbe di un comportamento discriminante nei confronti degli stranieri, poiché sarebbe una regola trasversale, ossia valida per tutti quelli che presentano richiesta, siano essi nati in Italia siano essi provenienti da altri Paesi: a parità di situazione di disagio fanno giustamente la differenza gli anni di residenza nel territorio comunale, grazie ai quali si acquisiscono diritti in più.

Fino ad oggi il comune di Serravalle Pistoiese non ha mai avuto un regolamento per la gestione dell’assegnazione delle case popolari, facendo per questo diretto riferimento alla legge 96/1996, ma ignorando la prerogativa di ricorrere a criteri aggiuntivi che essa gli riconosceva.

Il risultato è il seguente: a fronte della presenza dell’8% di stranieri sulla popolazione totale, nell’ultima graduatoria – risalente al 2013 – ben 17 soggetti su 36 aventi diritto (quindi quasi il 50%) sono immigrati.

In più dal 2013 ad oggi cinque degli otto alloggi assegnati sono stati destinati ad extracomunitari.

Il sindaco ha definito la nostra analisi un “manifesto politico”, non conforme a verità: peccato che i dati siano però quelli forniti dagli uffici comunali, e quindi quelli reali, a meno che non siano i funzionari ad averli inventati.

Inoltre ha dichiarato di aiutare chi ha bisogno senza guardare alla provenienza: fatto sta che, considerando la graduatoria, a rimetterci sono sempre le famiglie serravalline in difficoltà. Mungai per opportunità politica intende negare perfino l’evidenza?

Auspichiamo che, con l’adozione del regolamento, l’amministrazione controlli in modo puntuale e scrupoloso il possesso dei requisiti dichiarati da chi presenta domanda, tra cui per la prima volta è contemplata anche per gli stranieri l’assenza di diritti di proprietà su immobili nei paesi di origine da certificare obbligatoriamente da parte degli Stati interessati tramite i consolati e le ambasciate italiane all’estero.

[bardelli – fdi-an serravalle pistoiese]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

6 thoughts on “case popolari. BARDELLI (FDI-AN): «CARO MUNGAI, LA NOSTRA ANALISI RISPONDE A VERITÀ»

  1. Buona sera Asscensore Spinelli+ visto che il mandato sta finendo vorrei sapere se esiste la possibilità di un alloggio popolare con garage per la mia Kawasaki 1200cc il cavallo lo tengo al maneggio.
    Io avrei pensato di vendere la casa dove abito pero per il compratore i tempi si allungano la potrei affittare magari a 700 euro avrei pensato pogando la popolare 50 euro mi resterebbero in tasca 650 euro siccome mia moglie riscuote già diversi affitti mi separerei
    per finta e dopo cena verrebbe a dormire nella casa popolare..!!

    Mi faccia sapere magari in campagna elettorale potrei votarla e farla votare a
    presto e la Befana mi possa accontentare…!!!

  2. Ho seguito la diretta streaming del consiglio. Uno spasso.
    Bardelli – Mungai 3-0
    La Bardelli comunque ha superato se stessa con l’intervento sulla lapide dei partigiani.

  3. Consigliera Bardelli, gira voce che il suo capo l’avrebbe svenduta per Forza Italia
    Dica al suo capo che di politica non capisce un c…..avolo.
    Bel partito Forza Italia! Molto presente nel comune…. non ha mai fatto un altro emerito c….avolo.
    Conviene farci le alleanze, così perdiamo anche i voti che già abbiamo
    Ma andate a casa!

  4. Si, ormai si conosce la storia!!!
    Quando non si sa cosa rispondere perché l’altro ha ragione da vendere si attacca … questa volta l’accusa è di manifesti politico…. solo che la cosa fa ridere e anche di molto…. lo sappiamo tutti che le case popolari vengono attribuite prima di tutto agli stranieri…

Lascia un commento