C’È BEPPE VIOLA NEL CUORE DI “QUELLI CHE…”

Successo del raduno del gruppo Fb al San Pietro di Olmi
Gianluca Barni
Gianluca Barni

QUARRATA. Ogni volta, sempre meglio. Sarà che è rara di questi tempi l’amicizia spassionata, sarà che ci stupiamo persino della normalità, ma il raduno di “Quelli che sono nati con i servizi della Ds di Beppe Viola” oltre a veder crescere, di volta in volta, il numero di amici che si ritrovano nel pistoiese, nella terra che ha dato i natali al fondatore del gruppo Facebook, il giornalista scrittore Gianluca Barni, dà spazio ai buoni sentimenti, ai valori di un tempo, oggi spesso trasformati in disvalori.

Nel nome di Beppe Viola, indimenticabile giornalista della Rai Tv, ma pure scrittore, umorista, sceneggiatore, paroliere in una parola sola genio, scomparso prematuramente, sono tanti coloro che, da tutta Italia, s’incontrano, fanno conoscenza, parlano, mangiano assieme e soprattutto sorridono alla vita. Sdrammatizzandola o perlomeno cercando di non prendersi troppo sul serio.

Questa volta al ristorante San Pietro di Olmi Quarrata, ove il servizio è cortesia.

Azzeccati gli ospiti d’onore, il giornalista Franco Ligas e il masso fisioterapista della Juventus penta campione Stefano Grani, simpatici gli amici d’ogni dove. Ligas ha confermato di essere un grande professionista dell’informazione, colto raffinato socievole e alla mano, caratteristica dei più valenti: ha gradito l’invito e il premio, una semplice targa ma donata col cuore, affermando di aver finalmente raccolto quel premio, intitolato proprio a Beppe Viola, che gli sfuggì anni fa ad Arco di Trento a causa di chi poco sapeva di ironia e autoironia. Grani ha parlato dei ragazzi che furono e dei giovani d’oggigiorno, che impigriscono (e ingrassano) davanti alla tv, al pc, al tablet e al telefonino.

Tra gli amici del gruppo, riconoscimenti ad Athos Querci, decano dei tecnici pallavolistici toscani nonché storico dell’Unione Pistoiese 1921, alla 17enne pistoiese Gaia Vettori, campionessa d’Italiano per gli istituti professionali, e a Giorgio Gaviraghi, grande milanese e milanista.

[quelli che…]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento