“CENTRO GIOVANI”, STEFANO MAZZESCHI NUOVO DIRETTORE

La cuoca Tiziana con Stefano Mazzeschi
La cuoca Tiziana con Stefano Mazzeschi

PISTOIA. Stefano Mazzeschi, il nuovo Direttore, mandato dalla Diocesi a gestire l’ultima fase del Centro Giovani, non ce ne vorrà, ci auguriamo. Ma lo sa bene anche lui, che senza don Alessandro Carmignani, quella struttura è un’altra cosa.

Ieri sera però, 7 ottobre, come da protocollo, c’è stata la rituale cena del mercoledì, quella che i volontari allestiscono per i loro sistematici allegri visitatori. Il solito viavai confusionario, ma energico, di uomini e cose, volontari e clienti, che si fondono e confondono nel refettorio. Ieri sera c’è stato addirittura un compleanno, festeggiato con la solita felicità di sempre, che è quella che riesce a coinvolgere e contaminare chi si accontenta di essere ancora vivo.

“Non posso nascondere l’imbarazzo – riconosce Stefano Mazzeschi, il nuovo Direttore del Centro Giovani, al battesimo della prima cena in qualità di Direttore della struttura di via Nazario Sauro, dopo le dimissioni presentate e accolte di don Alessandro Carmignani –. Questa struttura è nata con don Alessandro, su un progetto partorito con l’allora Vescovo Simone Scatizzi: è nata secondo i suoi ideali, incarnando letteralmente il suo giovane e antico spirito di cristianesimo, costruita con tanta difficoltà, ma anche tanto entusiasmo, a suon di sacrifici e rinunce, tutte ripagate da quello che questo Centro, nel tempo, è diventato. Alessandro, inoltre, è anche e soprattutto un mio amico fraterno, ma non potevo in alcun modo tirarmi indietro: sono un dipendente della Diocesi e non potevo disobbedire alla specifica richiesta del Vescovo. Dunque, eccomi qua, consapevole di essere semplicemente un traghettatore, ma senza timone, chiamato a gestire questa fase di momentanea sospensione, come ha detto e ripetuto monsignor Tardelli”.

A cena al Centro giovani. 7 ottobre 2015
A cena al Centro giovani. 7 ottobre 2015

Il Centro è prossimo a chiudere i battenti, questo si sa. Succederà entro la fine dell’anno, probabilmente, o addirittura prima: le Suore Minime di Poggio a Caiano, che sono le proprietarie, non intendono prolungare l’affitto della struttura, che ha bisogno di ristrutturazione e che tra l’altro ha oneri altissimi, poco consoni al minimalismo evangelico. E al momento non si conosce ancora quale altra Sede, seppur virtuale, possa ereditare il suo importante patrimonio culturale, sociale, cattolico e umano; né si sa se un’altra Sede ci sarà mai.

“Ho sposato alla lettera l’ideale del Centro di don Alessandro – aggiunge Camilla Solari, la prima e più vecchia volontaria – e sono stata una di quelle che al momento delle dimissioni dell’ex Direttore ho creduto opportuno farmi portavoce della necessità che un altro Direttore fosse immediatamente disponibile a proseguire la traccia.

“Il Centro Giovani non è la cena del mercoledì, ma una serie di iniziative fra le quali è anche contemplata la cena del mercoledì, che non è soltanto la distribuzione di un pasto caldo, ma un momento di altissima comunione, laica, nonostante i servitori di questo servizio siano persone, me compresa, profondamente e orgogliosamente cattoliche. Il Centro è una serie numerosissima di iniziative straordinarie, nate per i giovani e affidate alle loro speranze.

Camilla Solari, la prima volontaria
Camilla Solari, la prima volontaria

“Il limbo di cui parlava don Alessandro è restato tale e quale: nessuno ci ha ancora fatto sapere nulla, né di quando chiuderemo questo cancello, né dove andremo dopo e soprattutto se poi, una volta sigillata la serratura, ci sarà un altro posto dove potremo andare”.

Don Alessandro Carmignani, nel frattempo, ha continuato regolarmente a svolgere le sue mansioni di pastore, ma al Centro, da mercoledì scorso, da quando ha rassegnato le dimissioni, non si è più visto.

“Ci ha giurato che non ci avrebbe messo più piede, qui – dice ancora Camilla Solari – e così ha fatto. Aveva dimenticato una cosa sulla scrivania, qui, nella stanza della Direzione: ci siamo messi d’accordo per telefono e gliela abbiamo portata sul marciapiede, in strada fuori dal parco dove abitualmente parcheggiamo le automobili. Lo capisco. Lo abbiamo capito tutti. Perfettamente”.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento