CHECCUCCI (FDI): «LA SALUTE UN BENE DA TUTELARE»

Emanuela Checcucci

PISTOIA. «Da tempo le cronache cittadine riportano di come i cittadini pistoiesi , esasperati dalle attese, per poter effettuare un esame presso una struttura pubblica ,sono costretti a scegliere: rivolgersi ad una struttura privata, se ne hanno la possibilità economica oppure attendere con rassegnazione il giorno concordato presso il CUP. Stupisce molto però che ad intervenire sul tema siano i consiglieri Tuci e Breschi, esponenti dello stesso partito che governa attualmente la Regione Toscana: le ASL sono infatti di competenza regionale.

La salute è un bene prezioso e, come ci ricorda l’articolo 32 della costituzione, va tutelata come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, ma la cosa è sfuggita di mano al Presidente Rossi e all’assessore Saccardi dal momento che il paziente che si rivolge al CUP per un sospetto tumore al seno, per un problema cardiaco o per una semplice gastroscopia di controllo deve attendere mesi quando non addirittura anni.

Questa gestione deve essere rivista dalla Regione nel rispetto dei cittadini, consentendo loro di svolgere gli esami strumentali in ospedale senza dover ricorrere al privato e soprattutto nei tempi adeguati. Solo con una riorganizzazione del personale e dei turni e con una modernizzazione dei macchinari, potremmo veramente accorciare i tempi di attesa e garantire il diritto alla salute dei cittadini».

Emanuela Checcucci Gruppo consiliare Fratelli d’Italia Consiglio Comunale Pistoia

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento