cia. CONSORZIO DI BONIFICA, AZZERATI GLI AUMENTI AI FLOROVIVAISTI

Sandro Orlandini
Sandro Orlandini

PISTOIA. «Noi di Cia Pistoia abbiamo scelto il profilo basso sulla vicenda del piano di classifica del Consorzio 4 che in estate aveva sollevato polemiche per gli aggravi che avrebbe comportato per le aziende florovivaistiche della Valdinievole, anche perché c’è stata a nostro avviso qualche esagerazione sulla reale entità degli aumenti.

«Ma indubbiamente gli aggravi c’erano e non erano opportuni, tanto più in una fase economica come questa, e abbiamo quindi interloquito con il presidente del Consorzio di bonifica Marco Monaco incontrandolo più volte dopo l’estate per dare il nostro contributo a una soluzione. Siamo pertanto molto soddisfatti di quanto ci ha comunicato ieri Monaco anticipandoci che nella revisione del piano di classifica, che sarà presentata all’assemblea del 5 dicembre, gli aumenti di contribuzione per il comparto florovivaistico della Valdinievole sono spariti e anzi ci sarà addirittura una sia pur impercettibile diminuzione del gettito totale pari a 2.700 euro, anche se alcune posizioni singole, specialmente di aziende più estese, potranno avere degli aumenti, comunque assai più contenuti che nella precedente versione del piano di classifica».

È quanto dichiara oggi il presidente di Cia Pistoia Sandro Orlandini dopo l’incontro organizzato ieri a Pescia con il presidente del Consorzio di bonifica 4 Basso Valdarno Marco Monaco.

Come spiega Orlandini, senza entrare nei dettagli che saranno comunicati ufficialmente da Monaco stesso, «il Consorzio 4 ha trovato il modo di spalmare bene, attraverso un aumento minimo sui fabbricati, l’incremento di contribuzione necessario per recuperare le somme perse per gli sgravi destinati ai florovivaisti della Valdinievole richiesti dalla Regione Toscana».

Sandro Orlandini si è detto soddisfatto anche perché «in definitiva il settore agricolo su tutto il territorio del Basso Valdarno ha uno sgravio complessivo di ben 800.000 euro, da cui conseguono risparmi importanti anche per le aziende che ricadono nella provincia di Pistoia, principalmente nei comuni di Larciano, Lamporecchio, Ponte Buggianese, Chiesina, Pescia, Massa e Cozzile, Uzzano e Buggiano».

[sandiford – cia pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento