cinemusical. SILVIA BENESPERI E PIERO FRASSI ALLA FONDAZIONE TRONCI

Appuntamento domani giovedì 15 novembre alle 21
Silvia Benesperi

PISTOIA. Il jazz incontra il cinema potrebbe essere (e sicuramente lo è) il titolo di un saggio destinato agli amanti dei due generi artistici. Sicuramente è la descrizione dell’evento che domani giovedì 15 novembre si svolgerà alla Fondazione Luigi Tronci in corso Gramsci 37 Pistoia a partire dalle 21.30. Protagonista della serata, inserita dall’Associazione Culturidea nel momento del calendario che prevede proprio una lettura jazz, sarà proprio il rapporto tra musica e cinema rivisitato alla luce del genere creato dagli afro americani.

Storicamente questo legame nasce negli anni della Grande Depressione con l’esplosivo fenomeno dei film musicali. Ispirate alle vicende e alle canzoni dei musical teatrali, che stanno rivoluzionando l’industria dello spettacolo a Broadway e dintorni, queste pellicole leggere e forzatamente ottimistiche (per sollevare il morale di una popolazione tragicamente provata dalla crisi) ruotano attorno a numeri di danza basati sui ritmi dell’Età dello Swing.

Nei film musicali si ascoltano le grandi melodie che costituiranno l’ampio repertorio degli “standard”, i temi che tutti i jazzisti (anche quelli delle generazioni successive) devono conoscere, una sorta di esperanto che permette a musicisti d’ogni parte del mondo di suonare insieme. E proprio guardando da bambini questi film, molti dei grandi protagonisti del jazz (come Sonny Rollins, Miles Davis o John Coltrane) si sono costruiti il proprio repertorio, ma anche il proprio immaginario espressivo.

Oltre a questo da sempre artisti come Louis Armstrong, Ella Fitzgerald, Nat King Cole hanno spaziato trai generi andando a toccare nel proprio repertorio le più belle musiche da film o i maggiori successi pop, leggendoli in chiave jazzistica e ritmica. In Italia, partendo dal Trio Lescano, Silvana Fioresi, Vittoria Mongardi, Nuccia Bongiovanni, Alberto Rabbagliati, Natalino Otto, Pippo Barsizza, Bruno Pallesi ed Aldo Alvi, si è sempre navigato a vista cercando di cogliere il meglio della musica statunitense senza stravolgere troppo l’italico costume e gusto.

Domani giovedì 15 novembre questo fantastico clima in cui la celluloide si incontra con le note, la voce dialoga sinuosamente con il pianoforte sarà protagonista alla Fondazione Luigi Tronci in un festival che Culturidea ha chiamato non a caso Parola e musica mia passione“.

Piero Frassi (pianoforte), Silvia Benesperi (voce) riporteranno il pubblico in quella magica atmosfera dei telefoni bianchi, dell’ottimismo gaio e ricco di una giovinezza che doveva essere vissuta freneticamente e guardando ad un sogno che gli sceneggiatori chiamavano felicità.

[culturidea]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento