cinghiali. “PAGATA A CARO PREZZO LA SCELTA DI NON ASCOLTARE L’ALLARME DEGLI AGRICOLTORI”

Miari Fulcis

FIRENZE. “È anni che insistiamo e chiediamo interventi urgenti contro il proliferare di animali selvatici come gli ungulati che hanno abbondantemente superato il numero compatibile con il territorio. Adesso purtroppo è accaduta la tragedia e non possiamo nascondere che si poteva fare qualcosa per evitarla”.

È quanto dichiarato da Francesco Miari Fulcis, presidente di Confagricoltura Toscana in merito all’incidente mortale causato dall’attraversamento di cinghiali sull’A1 fra Lodi e Casalpusterlengo.

“È anni – continua Miari Fulcis — che facciamo presente i rischi anche a carico dei cittadini e l’inutilità degli interventi legislativi di chi ci governa e che dovrebbe piuttosto trovare delle soluzioni. È stata dunque pagata a caro prezzo la scelta di non ascoltare la richiesta di intervento urgente degli agricoltori, trattati più da incompetenti e da approfittatori che da sentinelle del territorio che contribuiscono da sempre a tutelare. È il momento di passare dalle parole ai fatti. Rimettere mano alla legge Obiettivo sulla caccia e garantire quel livello minimo di sicurezza dovuto ai cittadini. Sarebbe una follia aspettare ancora una nuova tragedia”. Conclude Miari Fulcis.

[lorenzo galli torrini]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento