CIRCOLO HITACHI, TORNA “GIOVEDÌ AL CINEMA”

Presentato il programma autunnale della rassegna: in cartellone grandi opere d’autore, proiettate in pellicola 16 e 35 mm

La locandina

PISTOIA. Torna il grande cinema del Circolo Aziendale Hitachi: a partire da giovedì 6 ottobre, ma con una speciale anteprima dedicata alla Biennale di Venezia in programma per il 29 settembre, la grande sala polivalente della struttura di via Ciliegiole 77 tornerà a ospitare “Giovedì al cinema”, tradizionale rassegna che viene finalmente riproposta al pubblico dopo lo stop per la pandemia di covid.

Le proiezioni, curate dalla sezione cinema del Circolo, vengono effettuate rigorosamente in pellicola 16 e 35 mm: una precisa (e rara) scelta stilistica che permette allo spettatore di assistere a dei veri e propri gioielli della settima arte, sia sotto il profilo della qualità del prodotto sia per la purezza della riproduzione.

Ogni serata avrà un suo tema specifico: per la proiezione inaugurale del 29 settembre sul grande schermo del circolo sarà proiettato “Il cerchio” (2000) di Jafar Panahi, pellicola che mette in rilievo, attraverso le storie quotidiane di otto donne, la tragicità della condizione femminile in Iran.

L’anteprima della rassegna

Un tema che è tornato tristemente di attualità proprio nei giorni scorsi con l’assurda morte della 22enne Mahsa Amini e che anche al festival del cinema veneziano aveva suscitato sentimenti di condanna per la condizione del regista iraniano, impossibilitato a ritirare il Premio Speciale della Giuria per il suo ultimo film “Gli orsi non esistono” perché incarcerato per aver criticato il governo.

Il 6 di ottobre il via alla programmazione autunno-inverno con Forza Italia di Roberto Faenza (1977), seguito da Sostiene Pereira (dello stesso regista), da La strategia della lumaca del colombiano Sergio Cabrera e da La doccia del cinese Zang Yang.

Per il mese di novembre sono in programma Gli anni luce (Alain Tanner, 1981), Ballata di un soldato (Grigorij Cuchraj, 1958), Anni 40 (John Boorman, 1987) e L’infanzia di Ivan (Andrej Tarkovskij, 1962).

Il cartellone autunno inverno si conclude con Ashik Kerib (Storia di un ashug innamorato) di Sergej Paradzanov e Dodo Abashidze (1988) e Il fiore delle mille e una notte (Pier Paolo Pasolini, 1974).

Gli spettacoli iniziano alle 21.30, per chi lo desidera è possibile prenotare la cena o l’apericena al numero 0573 32626. Ulteriori informazioni sui profili social del circolo o allo 0573 370459.

[ufficio stampa circolo aziendale hitachi rail italy]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email