cisterna gas. MA LA SNAM È ARRIVATA IN RITARDO O NO?

Sembra che dopo il rovesciamento dell’autobotte di gas su via Garibaldi, la società Snam non sia stata tempestivamente avvisata della minaccia che incombeva sulla prossimità del terminale e della centrale a venti metri dalla cisterna, ma solo dopo due giorni, mentre i residenti subito sloggiati. Va tutto bene?

Si vede la coda per il senso unico alternato? Perché non si rimuove la cisterna oramai vuota?

MONTALE. Il Sindaco  Betti è stato sempre presente sul luogo dell’incidente con la sua Protezione Civile e ha lanciato anche rassicuranti video con gli appelli alla popolazione, sloggiata dalle residenze per un raggio di circa 200 metri.

Anche ieri, era lì a mezzogiorno, a sei giorni dall’incidente e tre giorni dallo svuotamento del gas, il presidio alla cisterna non è mancato: ma perché il presidio se la cisterna era vuota?

I residenti ci spiegano che i picchetti gialli di indicazione della tubazione ad alta pressione del gas, destinato al distributore a Sud dell’incidente sono stati apposti dopo un paio di giorni dall’incidente e che la riapertura di oggi 5 dicembre (a sei giorni dall’incidente), con un pesante senso unico alternato è un ulteriore schiaffo alla comunità: perché non viene rimossa la cisterna e riaperta la strada?

Questi tubi verdi sono collegati al tubo ad alta pressione di condotta del gas o no? Distano nemmeno 20 metri dalla botte rovesciata.

Questo il terminale della condotta interrata del gas a circa 1 metro sotto il piano di campagna

Ci sono cose che non si spiegano: è vero che il distributore del gas non ha mai interrotto il servizio? E perché dunque la società Snam non ha chiuso l’adduzione della linea che trova una coppia di tubazioni (verdi) in testata nord e il terminale a sud? Ma non v’era per davvero alcun pericolo? E allora perché avete sgomberato i cittadini residenti?

Ci dicono che Betti, non procederà alla rimozione del pesante bilico/cisterna e attende l’iniziativa del proprietario del mezzo: e se loro non intervengono? Ci passiamo le feste natalizie?

Ci dicono che i picchetti gialli sono stati apposti solo dopo due giorni dall’incidente: ma la Snam lo sapeva per tempo del rovesciamento?
A pochi metri dalla cisterna c’è anche il cartello del metanodotto: ma è stato sempre aperto davvero?

Noi, riportiamo le immagini raccolte, seguendo le indicazioni dei residenti, e ci colpiscono i nuovissimi picchetti gialli canarino apposti dalla Snam per conseguenza dell’emergenza che evidentemente “non c’era” se non hanno mai chiuso l’adduzione della linea principale che serve il distributore.

Ma la Snam quando è stata avvisata dell’evento sinistroso? Chissà chi lo sa…

Alessandro Romiti   

[alessandroromiti@linealibera.info]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email