collezione bigongiari. INCONTRI A PALAZZO DEI VESCOVI

«Vorrei – scrive il poeta per Pistoia – come Anfione aver costruito le sue mura al tocco della lira. Mi sono limitato a tenerle su col canto, a vederle da lontano apparire nel mio viaggio dal cerchio al centro»
Piero Bigongiari
Piero Bigongiari

PISTOIA. Il ciclo di conferenze che si terrà nei mesi di ottobre e novembre a Palazzo dei Vescovi a Pistoia intende ricordare e celebrare gli interessi dell’indimenticato letterato Piero Bigongiari e la sensibilità della moglie Elena.

Gli splendidi dipinti che fino a dieci anni fa abbellivano la casa di Piazza de’ Cavalleggeri sono stati legati, per contratto, alla città di Pistoia cui il poeta era unito da un legame profondo.

Così scrive Piero in una sua poesia inviata all’amico Marco Ciattini: “La divina città è degna di tutta la nostra attenzione, di tutta la nostra riverenza. Io, come sai, vorrei come Anfione aver costruito le sue mura al tocco della lira. Mi sono limitato a tenerle su col canto, a vederle da lontano apparire nel mio viaggio dal cerchio al centro.

Il programma
Il programma

“Serbano tutte le mie memorie più care. E mi pare che le pietre robustissime della petrigna città nemmeno ce la facciano a reggere il peso traboccante dei ricordi felici”.

Nei cinque incontri proposti, singolari nella propria specificità, saranno approfondite differenti tematiche proprie del Seicento fiorentino, legate alla collezione nei suoi riflessi pittorici e culturali.

Gli storici dell’arte chiamati all’evento ci condurranno di volta in volta lungo i percorsi di questa pittura nella quale il gesto teatrale si intreccia all’approfondimento psicologico della storia o del protagonista, descrivendo la complessità e la contraddizione dei sentimenti umani.

[francesca baldassari]

Scarica il programma: bigongiari2016-invito

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento