COMUNITÀ MONTANA: COMUNI, REGIONE E PARTE CIVILE

Sembra che qualcosa non torni: Sichi diverso dai nove imputati in aula il 20 febbraio prossimo?
Giuliano Sichi
Giuliano Sichi

PISTOIA. Nei giorni scorsi la stampa ha dato notizia della partenza – subito dopo stoppata – del processo a nove indagati implicati nei casi della Comunità Montana: Rosa Apolito, Roberto Fedeli, Antonella Giovannetti, Alessandro Michelotti, Umberto Erpichini, Luciano Baldi, Gabriella Banti, Valter Bernardi e Stefano Bertocci.

Lo sotp and go (ma in questo caso, rectius, il go and stop, che però non si dice) del procedimento è stato determinato dal fatto di certi errori procedurali che hanno impedito la prosecuzione in aula e il necessario rinvio – se non sbagliamo – al 20 febbraio prossimo.

L’intenzione complessiva pare essere quella di voler riunire le carte di tutti e di collegarle direttamente a quelle di Giuliano Sichi, il cosiddetto «reo confesso» che, però, in una nostra intervista di qualche tempo fa, negò di essere tale e disse che avrebbe fatto poi capire il perché.

Tutto chiaro? Bene. A noi risulta però strana una circostanza che non ci pare documentata o almeno per ora chiaramente documentabile da nessuna fonte: la cosiddetta costituzione di parte civile sia dei Comuni che della Regione.

Tali enti, infatti, mentre si sono costituiti senza esitazione nei confronti di Giuliano Sichi, non ci risulta che lo abbiano fatto, con altrettanta solerzia, nei confronti dei nove imputati di cui sopra.

E dato che noi siamo molto radicali e manichei, una domanda ci sorge spontanea: se così è, quale sarebbe la ratio secondo cui Sichi è degno di costituzione di parte civile e gli altri imputati ne sarebbero, ipso facto, assolti e resi liberi?

Saremo grati a chiunque potrà darci una plausibile (cioè logica e inoppugnabile) spiegazione del diverso trattamento…

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email