«CON CALCE E MARTELLO»: E LA CASA DEL POPOLO DI QUARRATA FU

Domenica 28 settembre si presenta il libro alle 9:30 in via Galilei. Uno spaccato di storia della “Città del mobile” e dei suoi cittadini
Gli autori di «Con calce e martello»
Gli autori di «Con calce e martello»

QUARRATA. Esce con “Con Calce e Martello”, libro sulla storia della Casa del Popolo di Quarrata. Il volume, 144 pagine ricche di foto, ricordi e testimonianze, verrà presentato domenica 28 settembre alle 9:30 nella sede di via Galilei.

Un pezzo di memoria collettiva quarratina. La Casa del Popolo rappresenta più di un luogo fisico: è “una palestra di democrazia diretta”, come direbbe Giuseppe Bertolucci (che qui girò una scena di “Berlinguer ti voglio bene”), ma soprattutto la testimonianza tangibile della solidarietà e dello spirito di sacrificio di tanti uomini e tante donne.

“Con Calce e Martello. La costruzione della Casa del Popolo di Quarrata fra solidarietà, costume e società” nasce da un’idea del consiglio della Casa del Popolo di Quarrata tre anni fa; idea che Dario Magazzini ha portato avanti fin da subito, attraverso un meticoloso lavoro di ricerca delle fonti, coinvolgendo nel progetto Luca e Paola Giuntini, Renato Guidotti, Carlo Rossetti e Rosita Testai.

Il libro ripercorre la storia della Casa del Popolo dalla sua nascita fino ai giorni nostri: dal 1945, con l’occupazione del circolo Operaio Umberto I, sede del Partito Fascista, fino al 2014. Passando per la costruzione dell’attuale sede di via Galilei (1957), all’inaugurazione di tre anni dopo; senza dimenticare gli anni “d’oro” del Tamburo della Luna e del Byblos.

«Il libro raccoglie le testimonianze e i racconti di tutti i quarratini, i soci e i cittadini che concorsero alla realizzazione del progetto della Casa del Popolo e che da allora fino ad oggi hanno contribuito alla sua crescita e affermazione – spiega Dario Magazzini –. Senza il loro impegno oggi non avremmo né la Casa del Popolo né questo libro».

Tanti i quarratini che si ritroveranno, e che il lettore potrà ritrovare, in queste pagine: Nello Magini, ex presidente della Polisportiva; Marco Colligiani e Laura Giuntini, “anime” dell’attività di doposcuola; Vito Barbarani e la biblioteca della Casa del Popolo (la prima biblioteca pubblica nella Quarrata del dopoguerra); lo storico barista Folo Ciattini e il barman del “Tamburo della Luna” Franco “Maciste” Melani; fino ai big della canzone italiana e del mondo dello spettacolo che sono passati tra le mura della Casa del Popolo di via Galilei.

Il frontespizio del libro
Il frontespizio del libro

“Con Calce e Martello” è un’iniziativa importante. Non solo per l’importanza che la Casa del Popolo ha avuto, ha e avrà per Quarrata. Lo è perché, nello spirito di chi ha ideato e voluto questo lavoro, il racconto del passato è un “pretesto” per costruire una memoria collettiva che possa essere tramandata anche alle generazioni future. La Casa del Popolo infatti è una risorsa per tutta la città. Una risorsa che deve essere sfruttata meglio. Questo è un compito che coinvolge tutti, dalle istituzioni fino ai singoli cittadini; un compito dal quale nessuno deve sentirsi escluso. Rimboccarsi le maniche e impegnarsi in prima persona è possibile: oggi, come lo è stato nel ’57 quando i muri di via Galilei hanno cominciato a prendere forma.

La presentazione di “Con Calce e Martello” è fissata per domenica 28 settembre alle 9:30 alla Casa del Popolo di Quarrata. Il libro, patrocinato dal Comune di Quarrata e dalla Provincia di Pistoia, è impreziosito dalla riproduzione di due quadri di Salvatore Magazzini e Marcello Scuffi in prima e quarta di copertina. Durante la giornata sarà possibile anche acquistare il volume, al prezzo di 10 euro.

[*] – Ospite

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “«CON CALCE E MARTELLO»: E LA CASA DEL POPOLO DI QUARRATA FU

Lascia un commento