CONSUNTIVO: SÌ UNANIME (MA PERCHÉ LA MINORANZA ERA USCITA)

Tutte le minoranze avevano lasciato la sala per protesta
La sala del Consiglio
La sala del Consiglio

PISTOIA. Dopo le comunicazioni dei consiglieri, ieri lunedì 22 giugno l’assise è passata a confrontarsi sul rendiconto di gestione 2014. I presenti si sono soffermati in modo particolare sui tempi lasciati alla commissione consiliare competente per discutere il documento, ritenuti, da più parti, eccessivamente ristretti.

Nonostante le richieste di rimandare il voto di pochi giorni e di soffermarsi ulteriormente sui contenuti, poco prima delle 20 la delibera è stata approvata all’unanimità dai gruppi consiliari in aula (Pd, Pistoia Spirito Libero, Progetto Toscana, Insieme per Pistoia, Federazione della Sinistra). Al momento della votazione i gruppi di opposizione (Pistoia Domani, Forza Italia, Movimento 5 stelle, Gruppo misto, Pistoria 1117) hanno dichiarato di lasciare l’aula come forma di protesta.

I dati del bilancio consuntivo sono stati riassunti dalla vicesindaco Daniela Belliti, che ha ricordato come il disavanzo di 1 milione e 233mila euro sia dovuto esclusivamente ai vincoli cui è sottoposto il bilancio comunale nel nuovo regime di contabilità. Infatti il 2014 si conclude con un avanzo di amministrazione di 12,5 milioni di euro cui vanno poi applicati i vincoli previsti dalla legge e dai principi di nuova contabilità.

In particolare, per la parte corrente i fondi vincolati per il fondo crediti di dubbia esigibilità (le entrate che non hanno certezza di essere riscosse) che ammontano a 6.699.830 euro, per legge devono andare subito a coprire i mancati incassi da tributi, tariffe e sanzioni. Infatti, anche a consuntivo 2014, risulta una percentuale di morosità relativa ai pagamenti di tributi e tariffe destinati a sostenere l´erogazione dei servizi: tra le voci più consistenti figura il mancato pagamento per il tributo del servizio dei rifiuti (Tari) e le sanzioni al codice della strada.

L’assessore ha poi sottolineato il fatto che il disavanzo è stato inferiore a quello dell’anno precedente di circa un milione di euro, e che sarà interamente coperto con il bilancio di previsione 2015. A fronte di questi ritardi registrati nelle entrate del Comune, si è sottolineato invece che l’Amministrazione paga i fornitori entro i tempi stabiliti dalla legge, risultando essere tra i Comuni virtuosi – secondo la classifica del Sole 24 Ore –. Inoltre, nonostante i tagli e la necessaria spending review, l’Amministrazione comunale ha garantito, potenziando anche, le risorse per i servizi alla persona, servizi educativi e politiche sociali con un incremento rispetto al 2013 di 600.000 euro.

Daniela Belliti, Vicesindaco di Pistoia
Daniela Belliti, Vicesindaco di Pistoia

Al termine della presentazione dei dati, la capogruppo di Pistoia Domani Margherita Semplici ha presentato una questione sospensiva volta a chiedere il rinvio dell’approvazione della proposta di delibera di qualche giorno e permettere quindi ai consiglieri di approfondire ulteriormente la documentazione consegnata e discussa “in tempi strettissimi”, ossia nell’arco di tre commissioni consiliari. “La complessità del tema – ha richiamato Capecchi – imporrebbe il rispetto di termini che consentano a tutti di capire ciò di cui stiamo parlando”.

La posizione di Pistoia Domani è stata condivisa in aula da Movimento 5 stelle, Forza Italia, Gruppo misto e dalla lista civica Pistoria 1117 che ha dichiarato inoltre di non accettare l’atteggiamento della maggioranza “di imporre le scelte”.

Sul tema, il consigliere Lattari di Pistoia Spirito Libero ha sottolineato che “le rimostranze delle minoranze hanno una base”. “La sospensiva non mi sembra campata in aria” ha poi affermato il consigliere Betti di Progetto Toscana, così come il consigliere del Pd Gonfiantini ha espresso la propria posizione richiamando la necessità di prevedere “tempi più dilatati” per la discussione sul consuntivo in modo da permettere ai consiglieri di capirne meglio i contenuti.

In chiusura, l’assessore Belliti si è assunta la responsabilità di sollecitare l’approvazione del provvedimento, mettendone in risalto l’urgenza e richiamando la necessità di mettersi subito a lavorare sul bilancio di previsione 2015.

La questione sospensiva presentata da Pistoia Domani è stata rigettata. Ha infatti ottenuto 10 voti favorevoli (Pistoia Domani, Forza Italia, Gruppo misto, Movimento 5 stelle, Pistoria 1117), 12 contrari (Pd, Insieme per Pistoia, Federazione della sinistra), 7 astensioni (i consiglieri Breschi, Colombo, Del Maestro, Gonfiantini del Pd, Progetto Toscana, Pistoia Spirito Libero).

[balloni – comune pt]

Vedi: «Facciamo il bilancio a nostra immagine e somiglianza»

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento