CONTRO LA SANITÀ DI ROSSI: BENE LA RACCOLTA FIRME DI SANTA CELESTINA

Il Sindaco di San Marcello (di spalle), Emiliano Bracali e Graziella Cimeli
Il Sindaco (di spalle), Emiliano Bracali e Graziella Cimeli

SAN MARCELLO-MONTAGNA. Ieri pomeriggio, 8 settembre, durante la festa di Santa Celestina, mentre la banda intonava l’Inno di Mameli e accompagnava il breve  volo del pallone, molte persone erano in fila, in paziente attesa, davanti al banchetto dell’Associazione Zeno Colò e del C.r.e.s.t., sotto la loggia di piazza Matteotti, dove un tempo si teneva il mercato settimanale, per firmare per il referendum abrogativo della Legge della Regione Toscana n.28 del 16 marzo 2015, per abolire, almeno, l’ultimo pezzo della controriforma sanitaria attuata dai rossi di Rossi e iniziata nel 2012 con la Delibera di Giunta Regionale 1235.

Soddisfazione dagli organizzatori, sia per il numero delle firme raccolte (tante), con una media di una firma al minuto, ma soprattutto perché la gente aveva voglia di firmare e non c’è stato bisogno di sollecitarla o dargli particolari spiegazioni del perché e del come, come avviene normalmente quando qualcuno chiede la firma per un qualcosa. Ieri la gente si è presentata spontaneamente e in maniera composta ha atteso il proprio turno per apporre la propria firma sui moduli. Poche le le eccezioni pochissimi coloro che hanno voltato le spalle a una battaglia di civiltà, che, senza soste, in Montagna va avanti da ormai tre anni, nonostante tutti i proclami dei potenziamenti dell’ex-ospedale di San Marcello.

Eva Giuliani e David Luca Ferrari
Eva Giuliani e David Luca Ferrari

Sotto il gazebo il sempre presente Emiliano Bracali, presidente della Zeno Colò; al tavolo il vicepresidente del C.r.e.s.t., Eva Giuliani di Pescia, sul cui Ospedale si stanno addensando nuvoloni seguiti col cannocchiale da Firenze (vedi qui) dal Consigliere Regionale Marco Niccolai – mentre a Pescia i cittadini stanno aprendo l’ombrello e si stanno auto-organizzando la resistenza qui il gruppo fb – e il Consigliere Comunale e Provinciale Luca David Ferrari, che si è prestato di buon grado per autenticare le firme dei cittadini di San Marcello Pistoiese.

Molti anche i cittadini che, non essendo del Comune di San Marcello, non hanno potuto firmare, ai quali è stato consigliato di recarsi nel proprio comune di residenza dove troveranno i moduli di raccolta delle firme.

Il referendum, ricordiamolo, è stato promosso da due comitati di civici: il comitato promotore appositamente costituitosi e dal Crest; e viene appoggiato da tutte le forze politiche regionali a eccezione ovviamente del P[artito] D[della controriforma sanitaria].

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento