convegno. COSIMO I NEL QUINTO CENTENARIO DELLA NASCITA

LV…la vita o 55 anni di storia… Cosimo I e Montemurlo,

MONTEMURLO. Il 2019 è un anno di grandi anniversari: i 50 anni dall’allunaggio, i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, ma anche i 500 anni dalla nascita del primo Granduca di Toscana, Cosimo I de’Medici.

Una storia che si intreccia con quella di Montemurlo, dove il 1 agosto del 1537 si svolse la battaglia che cambiò le sorti della Toscana. Sotto la Rocca si affrontarono i fuoriusciti repubblicani, guidati da Baccio Valori e Filippo Strozzi, e i sostenitori di Cosimo I de’ Medici, duca di Firenze. La vittoria del partito mediceo segnò la definitiva sconfitta dei ribelli e il consolidamento del dominio mediceo sulla Toscana fino all’estinzione della casata.

Per conoscere e approfondire questa pagina di storia e per capire chi era Cosimo I dei Medici, il Gruppo storico di Montemurlo, l’associazione Il Borgo della Rocca e il Comune — con il patrocinio della Regione, della Provincia e della parrocchia del Sacro Cuore — organizzano giovedì 1 agosto ore 18,30 alla Pieve di San Giovanni Decollato alla Rocca un convegno su “Cosimo I e Montemurlo”.

Una conversazione che sarà animata da vere e proprie “scenografie viventi”, che accompagneranno i racconti storici con figuranti in costume per calarsi in quelle lontane atmosfere rinascimentali. In particolare il convegno prenderà in esame i primi 55 anni di vita del Duca di Firenze, dalla nascita, avvenuta il 12 giugno 1519, fino all’ascesa granducale.

Cosimo-I-de-Medic

Nel 1569, infatti, dopo aver stipulato un accordo col Papa secondo il quale avrebbe messo la sua flotta a servizio della Lega Santa per contrastare l’avanzata ottomana, Pio V emanò una bolla che lo nominava granduca di Toscana. Ad aprire i lavori del convegno porterà il proprio saluto il sindaco di Montemurlo, Simone Calamai, al quale seguiranno gli interventi degli storici Riccardo Saccenti, Fabrizio Trallori, delle storiche dell’arte, Cinzia Menichetti e Erica Bargiacchi e dell’archivista Erika Saporito. Modererà la conversazione la giornalista Francesca Vattiata.

« Negli ultimi anni Montemurlo, grazie alla collaborazione del Gruppo storico, ha avviato un importante lavoro di recupero e valorizzazione di questa pagina di storia del territorio che ha contribuito a fare la Toscana. La conoscenza, infatti, è il primo passo per poter valorizzare la storia e l’identità locale», commenta il sindaco Simone Calamai.

Dopo il convegno seguirà una cena nella canonica di Rocca (necessaria la prenotazione tel. 3478627809) e alle ore 21,30 in piazza Castello alla Rocca si potranno continuare a vivere le atmosfere rinascimentali con lo spettacolo in onore del primo Granduca di Toscana, Cosimo I.

Sbandieratori, musici e nobili balladori del gruppo Castel San Barnaba (Scarperia – provincia Firenze) e del Gruppo storico di Montemurlo si alterneranno nelle esibizioni in piazza. «

Il Gruppo storico di Montemurlo, insieme all’amministrazione comunale, porta avanti da tempo un lavoro di approfondimento e ricostruzione storica molto accurato sulla battaglia di Montemurlo del 1537 e sui suoi protagonisti. — conclude la presidente del Gruppo storico, Tiziana Giagnoni — Questa conversazione su Cosimo I rientra in quel percorso di valorizzazione e vuole proporre la conoscenza della storia locale in maniera accessibile da tutti, attraverso la ricostruzione e rievocazione storica. Per questo all’interno del convegno abbiamo voluto inserire le scenografie animate da figuranti, che riporranno i vari personaggi della vita di Cosimo I».

L’ingresso al convegno e alla festa in piazza è libero e gratuito.

[masi — comune di montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email