coronavirus. A MONTEMURLO IL SINDACO CHIUDE PARCHI E GIARDINI

Da ieri parchi e campini chiusi anche a Montemurlo

MONTEMURLO. Il sindaco Simone Calamai lo ripete da giorni: « uella che stiamo vivendo non è una vacanza. Tutti noi dobbiamo attuare comportamenti responsabili e stare a casa».

Così, se le raccomandazioni da sole non bastano, il primo cittadino di Montemurlo, dopo aver visto anche mercoledì i parchi cittadini pieni di persone, ha deciso di ricorrere alle maniere forti e da ieri, 12 marzo fino al prossimo 3 aprile ha ordinato la chiusura di tutti i parchi e i giardini pubblici recintati e ha vietato l’accesso alle aree verdi non recintate.

Inoltre il sindaco Calamai ricorda di limitare gli spostamenti per i soli casi di necessità, lavoro e salute. « Le attività all’aperto sono consentite solo per il tempo strettamente indispensabile e rispettando le distanze di sicurezza. Raccomando con forza di evitare assembramenti all’aperto ad esempio sulle nostre piste ciclo-pedonali. La nostra polizia municipale girerà sul territorio per far rispettare l’ordinanza».

Rinnovato l’invito anche dal sindaco Calamai

Sempre nello spirito del Decreto governativo per il contenimento dell’epidemia da Coronavirus, il sindaco Simone Calamai ha deciso di sospendere il divieto di soste su tutte le strade del territorio comunale nei giorni e negli orari previsti per la pulizia strade. In questo modo i cittadini non dovranno uscire da casa per spostare l’auto. In ogni caso il servizio di pulizia e spazzamento meccanizzato delle strade resterà attivo.

«Questa è una situazione di emergenza che ci mette tutti alla prova. —conclude il sindaco Calamai — Stare a casa, rispettare le prescrizioni igienico sanitarie è un atto di responsabilità, un obbligo morale. Come amministrazione comunale ci siamo sentiti in obbligo di mettere in atto tutte le misure necessarie per limitare gli spostamenti dei cittadini dalla loro casa. In questo momento di emergenza stare bene e stare a casa è l’aiuto più grande che possiamo dare al personale sanitario che lavora in prima linea per curare i malati».

Il sindaco Calamai ha voluto ringraziare ancora una volta tutti i medici, gli infermieri, gli Oss, il personale di laboratorio, le forze dell’ordine, la polizia municipale, i dipendenti del Comune, i vigili del fuoco, gli addetti alla vendita di generi alimentari e tutti coloro, nessuno escluso, che in questi giorni di emergenza continuano a lavorare per garantire i servizi di base.

« Ma il ringraziamento più grande va al senso di responsabilità, che sono sicuro, tutti i montemurlesi metteranno in atto. Insieme ce la possiamo fare», ha concluso il sindaco Calamai. 

[masi — comune di montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email