coronavirus. “ABBIAMO SUPERATO UNA BATTAGLIA EPOCALE MA LA GUERRA NON SI È CONCLUSA”

Ancora nove persone ricoverate al San Jacopo per il coronavirus. Anna Maria Celesti (Società della salute pistoiese): "Il Covid-19 non è comunque scomparso"
Anna Maria Celesti

PISTOIA. [a.b.] “In queste ultime settimane abbiamo superato una battaglia epocale, ma la guerra non si è conclusa. Il Covid-19, anche se in forma meno aggressiva, continua a far registrare contagi”. Sulla situazione del Covid-19 nel pistoiese interviene con un post su facebook il presidente della Società della Salute Pistoiese- vicesindaco di Pistoia Anna Maria Celesti.

“Oggi all’Ospedale San Jacopo sono 9 i nuovi ricoverati per Covid-19, molti dei quali asintomatici e con altre patologie pregresse, con un’età dai 65 ai 90 anni. In particolare, sei degli attuali ricoverati sono stati presi in carico dall’Ospedale per altre patologie e sono risultati positivi al tampone, una procedura obbligatoria per chi deve essere ricoverato nei reparti del San Jacopo. I casi di Coronavirus ascrivibili all’infezione virale sono invece nettamente diminuiti. Solo tre pazienti hanno presentato una sintomatologia dovuta all’infezione da Covid-19 tale da richiedere il ricovero ospedaliero”.

“Questo — continua Anna Maria Celesti — significa che nessuno di noi deve abbassare la guardia. Non soltanto per la nostra salute ma anche per evitare di diffondere il contagio tra i nostri cari, specie se anziani. I nostri affetti in età avanzata sono infatti la categoria più a rischio. È dunque nostro compito essere responsabili e tutelare chi è più debole e anziano da questo virus insidioso. Il Covid-19 non è comunque scomparso”.

“Sia il nostro ospedale che il nostro territorio — aggiunge — sono stati messi alla prova da questo virus poco conosciuto e per cento giorni ha visto impegnati in prima linea tutti gli operatori sanitari per fronteggiare, senza un attimo di sosta, il periodo di emergenza più grave. Adesso il loro sforzo non può e non deve essere vanificato”.

“Anche in questo periodo di cosiddetta ‘Fase 2’ — conclude — le misure che tutti dobbiamo eseguire rigorosamente sono poche e semplici: tenere il distanziamento interpersonale, indossare la mascherina quando occorre e detergere le mani con frequenza. Solo così possiamo continuare a difenderci dall’attacco del Covid-19”.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email