coronavirus-ferruccia. “ERAVAMO QUATTRO AMICI AL BAR”

La frazione quarratina è ripiombata nel dolore. E' morto oggi anche Amelio Cartei, amico di Riccardo, Baldino e Mario

QUARRATA. Contro il coronavirus non ce l’ha fatta neppure Amelio Cartei. Anche lui era un amico di Riccardo, Baldino e Mario, gli anziani residenti nella frazione di Ferruccia — divisa dal torrente Ombrone.

Frequentavano come confermano nel paese chi li ha conosciuti tutti il circolo La Tranquillona, il punto di ritrovo della frazione quarratina che stasera è ripiombata nel lutto.

La notizia si è sparsa velocemente attraverso i social. Amelio, 78 anni, era titolare di una ditta di mobili in via Ricasoli a Ferruccia. Era stato ricoverato all’ospedale San Jacopo di Pistoia due settimane fa.

Ed ora oltre alla paura c’è anche tanto dolore e tanta sofferenza per un infame destino che ha legato un gruppo di amici.

Commuove a questo proposito il saluto che gli ha voluto porgere stasera Alessandro Bertini, un amico del paese: 

La tua stima per me e per la mia famiglia.

Questo mi resta. E mai niente, nel suo poco, fu così tanto.

Porta un saluto a quello che, per quanto di te seppe essere grande amico, per me fu babbo.

Porta un saluto a Riccardo, Mario e Baldino, magari tra una battuta e l’altra saranno ancora lì, sul portone ad aspettarti.

Porta un saluto a tutti quelli che, come te, stanno pagando il prezzo di questa assurda maledizione.

Perché se è un incubo mi voglio solo svegliare.

Perché se non lo è, ci possiate voi spiegare almeno perché.

Ciao Amelio.

Una storia assurda che conferma la presenza in paese di un piccolo focolaio. Tutto sarebbe partito dal luogo dove si ritrovavano questi amici.

“Qui alla Ferruccia – ci ha detto una residente – la situazione è drammatica. Le autorità competenti del territorio responsabili della salute pubblica non hanno ritenuto necessario isolare nessuno come si legge dalla pagina del Comune di Quarrata relativa al Coronavirus e non si capisce il motivo per cui dopo i decessi di questi giorni legati alla positività da cosid-19 non siano state isolate le persone che hanno frequentato gli stessi locali”. 

Andrea Balli

[andreaballi@linealibera.info]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “coronavirus-ferruccia. “ERAVAMO QUATTRO AMICI AL BAR”

Comments are closed.