coronavirus. ORATE, FRATRES! MA NEPPURE L’ACQUA SANTA PUÒ SALVARCI

Tanto va la gente in gyrus che si becca un tristo virus | Se però alla larga sta, alla fin si salverà!

TLA IL DILE E IL FALE

C’È DI MEZZO IL MALE


Corona-virusse. Il genio dei livornesi stende tutti i toscani

 

LO SCETTICISMO, che sta alla base anche della irriverenza e del prendere per il culo la gente che le spara grosse come la bomba di Hiroshima, è uno di requisiti fondamentali per dare l’assist alla scienza.

Lo scienziato deve essere scettico per natura e per posizione: non deve fidarsi mai e deve continuare a fare di tutto per smontare un’acquisizione; perché tale acquisizione, se non si verifica in 999 casi su mille, può essere molto semplicemente un puro caso – alias una “scorreggia barocca”.

Gli scienziati ragionano con scetticismo e sono, in buona sostanza, irriverenti: al dogma riservano – giustamente – un’attenzione che è pari, come dice il poeta, a una «paglia che ti va tra i pièi».

E allora: i dogmi li lasciamo tutti alla chiesa di Bergoglio e alla politica. Perché i dogmi fanno parte non del razionale, ma dell’irrazionale (e quindi dell’ambito umoral-isterico-asinesco), cioè di quella cosa che non sta né in cielo né in terra né in nessun altro luogo. Una cosa che non ha niente a che fare con il pensiero davvero pensante e libero.

Anche la chiesa ha smesso di abbracciare?

Manzoni, cristianissimo fin quasi alla nausea o di più, si chiedeva – alla morte di Enrichetta, nel 1833 – “perché il male nel mondo nonostante dio”.

Noi, molto meno cristiani di lui, ma – ne siamo convinti – non meno rigorosi sotto il punto di vista morale nei comportamenti con gli altri uomini (i laici non sono come i Pd, le sinistre e i cattolici spregiatori di chi non è come loro, salvo se islamici o neri: o anche come Soros, affamatori, ma disponibili a cospicue donazioni) – noi ci facciamo una domanda più laica che suona così: com’è possibile che dio esista se nel mondo esiste gente come Soros, come Conte, come Mattarella, come Napolitano, come Di Maio, come Salvini, come la Meloni e bla-bla-bla, come Francesco (non d’Assisi), come la sua chiesa, come gli islamici integralisti che sgozzano le figlie se trombano con un occidentale perché a 12 anni devono farsi stuprare da un maiale di 45, e come tutti quegli altri ben zonà (in ebraico figli di puttana) che predicano open arms e vendono canne di guns & roses invece di pillole e preservativi per arginare la fame nel mondo, e tante altre belle cosette che andrebbero attaccate ai riccetti accaccolati dal sudicio della santa vergine Carola Rackete e agli orli delle toghe dei giudici progressisti che la hanno assolta?

Ora con il coronavirus (vairus per Di Maio) anche la chiesa – almeno quella toscana – ha un attimo di resipiscenza:

1) niente segno della pace (brutti razzisti, fascisti, nazisti, leghisti cattolici! Abbracciate a prescindere, se avete il coraggio)

2) niente acquasanta nelle «pille» delle chiese, d’ora in poi water free

Il cardinal Betori, principe della chiesa, folignate di nascita e fiorentino di adozione per ius soli, quello che veste il rosso del sangue che si è impegnato a versare per il suo dio; ma anche quello che, quando un pazzo sparò nel suo palazzo, spinse davanti a sé il suo segretario e lui si rifugiò in ascensore perché, evidentemente, preferiva piangere quaggiù nella valle di lacrime più che sorridere alla destra del padre celeste (almeno così si era letto sui giornali) oggi vieta abbracci, baci e acquasanta.

Per il segno della pace può andare anche bene: che pace è, infatti, in Toscana, per tutti i fedeli che i preti rossi spingono a odiare Salvini (che non è mio amico, beninteso!)?

Ma per l’abolizione dell’acquasanta non c’è scusante. Scaccia il demonio, tiene lontana la Cirinnà e non è in grado di ammazzare un corona/rosariovirus? Incredibile! Inammissibile per chi ha fede! Con quel «coso cinese» là, perfino dio batte in ritirata? O Conte non era culo-e-camicia con San Pio?

Saggezza popolare

Ma la cosa più grave, per l’acquasanta, è un’altra: ora che le «pille» saranno svuotate, come faranno gli ospiti di don Biancalani, a Santa Maria Maggiore a Vicofaro? Dove mai affogheranno le loro cicche mattutine, quando scenderanno in mutande e ciabatte mentre il don intona con fervore Bella ciao a fine-messa?

Un vero problema, gente. Ecco perché il Pil (puttanate italiane liquide) è in caduta libera, povero Soros!

Edoardo Bianchini
[direttore@linealibera.info]
Delitto di cronaca, critica, satira, rosariovirus, bufale e mozzarelle avariate
DICE CONFUCIO[NE]

Nei palazzi del potele
ci sta il cacio con le pele:
nelle case della gente
calci in culo e loba niente!


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email