covid-19 & filosofi. ROBERTO FRANCHINI RISPONDE E CHIARISCE: «SONO STATO FATTO A PEZZI»

«Lei deve sapere che il primo articolo che avete fatto nel merito io l’ho condiviso in almeno 12 gruppi di cui faccio parte chiedendo chiare delucidazione al sindaco e alla ASL... Sono stato letteralmente massacrato..»
Roberto Franchini

 

PESCIA. In merito al nostro intervento  dal titolo covid-19 & filosofi. roberto franchini, pescia, l’italia e il paradosso dell’asino di buridano, riceviamo da Roberto Franchini e pubblichiamo:

Buona sera sig Edoardo Bianchini avrei preferito parlare con Lei a voce ma in redazione mi dicono che è molto impegnato e non avrebbe potuto rispondermi, le scrivo per l’articolo fatto su di me che porta la sua firma (covid 19 & filosofi, più correttamente dire, su un post che io ho pubblicato su facebook.

Credo abbiate travisato il senso del mio post che non era un articolo quindi non molto dettagliato, ma che le garantisco molti ne hanno capito il senso, che era a vostro sostegno, Lei deve sapere che il primo articolo che avete fatto nel merito io l’ho condiviso in almeno 12 gruppi di cui faccio parte chiedendo chiare delucidazione al sindaco e alla ASL… Sono stato letteralmente massacrato.. direi massacrati, perchè pure con voi non sono stati teneri, mi hanno pure segnalato a facebook mi hanno chiamato untore di notizie FAKE ho dovuto bloccare almeno tre strenui difensori delle persone chiamate in causa dal vostro articolo, perchè non mi davano più pace.

Quello che mi fa arrabbiare, è che voi come redazione non siete mai intervenuti,….. invece lo avete fatto su un mio post che avevo fatto a vostro sostegno, intendiamoci, non lo aspettavo ne lo pretendevo e non me la prendo nemmeno per quanto avete scritto verso la mia persona, pungenti come sempre, primo perchè in 20 anni di politica attiva ho le spalle piuttosto “unte” secondo perchè rileggendo il mio post mi sono reso conto che poteva essere travisato, ora mi fanno incazzare e non poco, tutti quei vassalli del gran duca e compagnia piccola di Pescia, che approfittano e si fanno forza del vostro articolo in questione, per ridicolizzare la mia persona, che tanto fastidio gli sta dando, sostenendovi e pubblicando i vostri articoli, specialmente il Cittadino che è per loro sono sabbia negli occhi (la cosa è reciproca)..

Ecco cosa pensa la fanteria da assalto della sanità di Rossi e Saccardi. Chiedete a loro quante fake abbiamo scritto!

Ho aggiustato con alcune specificazione tra parentesi il post che io ho pubblicato, e ora spero si comprenda (vi allego testo), chiedo a voi ora di cercare in qualche modo di “rimediare “ come ho fatto io. Vi rinnovo la mia stima e ammirazione (che ho sempre avuta fin da quando eravate linee future) sono dispiaciuto per questo malinteso, spero per voi sia la stessa cosa, attendo un vostro riscontro.

PS… Faccio ancora politica in FDI Sono portavoce a Pescia membro del direttivo Provinciale, e Membro dell’Assemblea Nazionale. Buon lavoro! (testo del post corretto……

Questa volta il post.. non lo condivido con il mondo come ho fatto con il primo.. non vorrei cadere nuovamente ad essere oggetto… della caccia all’untore di notizie false… ne in post buonisti dove mi invitano… a volerci tutti bene….. (pure da parte dei membri delle minoranze.)… ma sono estremamente curioso di capire come può una testata giornalistica… a ribattere continuamente su di un tasto… che gli ha procurato tante critiche.. e minacce di querele.. per ora solo.. minacce.. (e questo dovrebbe far pensare)… ma allora la verità dove sta???… vorrei tanto conoscerla, vorrei tanto sapere se e possibile giocare su la salute e la paura della gente.. vorrei tanto capire, quale interesse può avere un giornale a divulgare notizie false?.. (per me nessuna). o la direzione di un ospedale a nasconderle.. (sarebbe assurdo)… vorrei capire se noi cittadini noi esseri umani abbiamo ancora un valore di fronte a certe situazioni… oppure ci sono cose o meccanismi che valgono di più dell’essere umano.. della vita di un essere umano.. se qualcuno crede ancora di si… e sa !… ci dica qualcosa nel merito (il giornale lo ha fatto) grazie. Magari ora attendiamo qualcosa da l’autorevole ASL……..

Roberto Franchini


PESCIA, FAKE NEWS & FAKE FARTS

Qualcuno di voi ha visto una rettifica pubblicata sul Cittadino?

 

Caro Franchini,
personalmente ritengo che facebook andrebbe chiuso di botto perché non si può lasciare la porta aperta alla follia, all’insulto, al vomito, alla lecchineria, al leccaculismo, alla delazione, al massacro portato avanti da chi urla contro il cyberbullismo e – per intenderci – agli scemi senza cervello che danno fiato al culo perché lo hanno al posto della bocca.

Di Il cittadino-Pescia non importa che mi parli: non hanno neppure un’acca di giornalismo (come oggi spesso accade) o non scriverebbero secondo il «modello-diarrea come viene viene».

Per divertirci gli avevamo chiesto di mettere, come diritto di replica, la nostra risposta alle loro approssimazioni filo-orestiane senza nessun fondamento. Noi abbiamo carte e messaggi vocali: loro che avevano, i discorsini del Sindaco e i sorrisi della Melani e della Panigada? O l’arroganza di certe caposala? Lei, poi, ha visto qualcosa? Nessuno ha risposto: sono àfoni come il Mago del Vernacoliere.

È il nuovo giornalismo, quello istituzionale di cui parliamo spesso noi: un  partito trasversale di consenso nazional-governativo da «carciofi alla porco Giuda» come dice Crozza; sbavature di lumaca senza supporto.

Ma questa è l’Italia di oggi e questa è, necessariamente, Pescia che si rivota come sindaco un Giurlani che ha avuto le avventure che tutti conoscono.

Gli ebrei, nel Lager, erano contenti di prendersi docce a gas e forni, dice inorridito Primo Levi. Del resto la grande politica di sinistra post-comunista, dopo aver reso tutti analfabeti, ignoranti e scemi di comprendonio, cosa poteva fare di meglio se non spargere favori e impieghi come Marmellata Santa Rosa – Frutta fresca a pezzettoni su chiunque e ancor peggio dei democristiani che, allevati dai preti, erano almeno più fini, sottili, malefici e furbi?

Dica ai suoi asfissiati contraddittori/nemici e alle loro fake news, di smettere con tutte le loro fake farts (= finte scorregge): perché anche le scorregge hanno una loro dignità o altrimenti sono delle insopportabili «fetecchie», silenziose ma mortali, da gas nervino (Totò).

E dica, anche, che ci denuncino per le nostre fake news. Ci divertiremmo un sacco e una sporta se lo facessero. Il fatto è  che «dietro uno smartphone tutti sono leoni, faccia a faccia sono tutta gente che si guarda i piedi per non pisciarcisi sopra».

La citazione è di un mio carissimo cugino che conosce benissimo l’ospedale di Pescia, «fiore all’occhiello» del Mefit…

Buona domenica.

E.B.
[direttore@linealibera.info]


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email