covid. É MORTO A 78 ANNI IL PITTORE CARLO DEL SAI CAPECCHI

I funerali si terranno martedì 16 marzo alle 10 nella chiesa della Misericordia a Pistoia

Un autoritratto

PISTOIA. E’ scomparso stamani poco dopo le ore 10 – anche lui per il Covid –  il pittore Carlo Capecchi (Del Sai). Aveva 78 anni. Lascia la moglie Rossana a cui era molto legato e il fratello. Pistoiese di nascita, dal 1975 ha vissuto e lavorato anche a Poggio a Caiano. Un amore, quello per la pittura, presente fin da bambino e sviluppata dalla osservazione dell’opera dello zio frate Padre Arcangelo Capecchi che fu il primo a fornirgli gli stimoli.  

Pittore autodidatta nella seconda metà degli anni ’70 assorbi la lezione dei coloristi pistoiesi tenendo come propri punti di riferimento artisti quali Morandi, Morlotti e De Stael. Trasferitosi a Poggio a Caiano conobbe il decano degli artisti poggesi Renato Cantinelli, che lo introdusse a far parte dei pittori della ‘Nuova Saletta Ambra’ che negli anni novanta annoverava tra le sue fila artisti come Fabio Inverni e Rudy Pulcinelli. Fu in quel periodo che iniziò ad esporre le proprie opere ottenendo importanti affermazioni in concorsi artistici e la presenza in diverse collezioni pubbliche e private. La prima mostra personale risale al 1969. Tra il 1970 e il 1980 partecipa a numerose collettive e numerose sono le mostre personali realizzate sia in Italia che all’estero.

Il consigliere di corte

“Pittore sincero, poetico, dotato di una non comune preparazione tecnica, stilisticamente i suoi quadri possiedono una notevole coerenza espressiva e cromatica. E’ una pittura che rievoca temi e forme espressive care al passato e troppo spesso dimenticate. Del Sai ce li ripropone, puliti da imitazioni ma caratterizzati da una spontanea naturalezza ed attraverso una struttura concreta che risulta lineare e sempre fedele all’oggetto-immagine da plasmare sulla tela” scriveva di lui il critico d’arte Aureliano Casali.

Alcune sue opere si trovato al museo d’arte sacra di Cortona, alla pinacoteca d’arte moderna contemporanea Villa Muzzi- Gonzato a Vicenza, al complesso artistico di Buriano (Quarrata), alla accademia Cenacolo Artistico “Il Macchiavello” di Firenze, al museo d’arte moderna di New York.

Tra i premi e i riconoscimenti ottenuti ricordiamo il “Leon d’oro” della Serenissima Accademia della Signoria di Firenze, il “Gran Sigillo d’Europa” dalla West London  University e molti altri. E’ stata insignito del Cavalierato dell’Ordine di Malta per l’ampiezza del messaggio nuovo che emerge dalla profonda riflessione della sua esperienza pittorica che si relaziona dal suo mondo interiore con il mondo esteriore.

Ha ottenuto anche l’alto riconoscimento internazionale “Gran Croce al merito Cristoforo Colombo” della accademia italo-americana, riconoscimento assegnato a personalità particolarmente distintesi nei campi dell’arte, della scienza e della cultura.

I funerali di Carlo Capecchi Del Sai si terranno martedì 16 marzo alle 10 nella chiesa della Misericordia di Pistoia.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email