cpap. SERVE UN PROGETTO PER RIPORTARE IL PRATO NEL CALCIO CHE CONTA

"Non è più il tempo degli Stadi nel centro delle città: un tempo potevano andar bene, oggi riteniamo di no"
Lo stadio di Prato

PRATO. “Ma alla città il Lungobisenzio serve davvero?” Così ha titolato un giornale locale riaccendendo, meritoriamente, i riflettori sulla vicenda del nostro Stadio.

Il nostro Comitato concorda perfettamente con la soluzione prospettata nell’articolo: L’unica via d’uscita sembra quella di legare le due cose: stadio e ambizioni insieme in un progetto tutto nuovo. E non è detto che debba essere in via Firenze.

È chiaro che al momento a Prato non serve uno stadio non essendoci in città una squadra di calcio di livello professionistico e tale situazione sembra destinata a perdurare nel tempo con conseguente inutilizzo e decadimento della struttura.

Il nostro Comitato ha sempre perorato la causa di coloro che spingevano per costruire un nuovo Stadio con criteri moderni, una struttura polifunzionale, concepita per ospitare manifestazioni non solo sportive e fruibile sempre. A noi sembra che non sia più il tempo degli Stadi nel centro delle città; un tempo potevano andar bene oggi riteniamo di no.

Per concludere, sarebbe auspicabile per noi un progetto (e questo è il problema dei problemi, visti anche i tempi) per riportare il Prato nel calcio che conta ed uno nuovo Stadio, non in via Firenze .

Comitato Provinciale Area Pratese

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email