CREDITO DELL’AREA PRATESE, SOFFERTA ASSEMBLEA DEI SOCI

La banca ai minimi storici per un deficit di quasi 10 milioni di euro (su un patrimonio di 30) a causa di accantonamenti introdotti nel corrente anno ma “dimenticati” negli anni precedenti. Il Presidente Molinelli elogia Stefano Zamagni, discusso ex “Terzo Settore”. Il giallo della mancanza del nome di Serena Pucci nella scheda per le votazioni
All'ingresso della Bcc Prato
All’ingresso della Bcc

SEANO. La partecipazione Bcc Prato all’assemblea dei soci della Banca di Credito Cooperativo Area Pratese ci permette di raccogliere e pubblicare l’appassionato intervento della candidata Serena Pucci, nota per essere stata un membro molto critico con la precedente e attuale governance di gestione.

La “banchina” sembra sobbalzare sotto i colpi di alcuni consiglieri che rivendicano diversi progetti a misura di territorio e di piccola impresa. La Banca di CC è uscita male delle note vicende giudiziarie che la hanno vista passare al setaccio dal nucleo della Polizia Valutaria con esiti di indagini giudiziarie aperte a carico di molti degli ex dirigenti.

Serena Pucci
La geometra Serena Pucci

Particolare attenzione ha risvegliato l’intervento del presidente Roberto Molinelli che, nella rassegna delle considerazioni di buona governance ha evocato la “benedizione” di Stefano Zamagni, già fin troppo conosciuto alla redazione di Linee Future, per questioni legate al settore del “no profit”, vale a dire per avere ispirato e convalidato tutte le mosse di Luigi Egidio Bardelli (il proprietario di Tvl), nel settore Aias/Apr-spastici: mosse tutte regolarmente bocciate e sanzionate a dovere, in due occasioni, dal Tribunale Civile di Roma (vedi).

La consigliera Serena Pucci è stata votata da ben 40 soci (più del 10,9% su una presenza di 364 votanti), nonostante che il suo nome non fosse stato approntato nella scheda di votazione, per motivi, si dice, di disguido organizzativo.

Un’assemblea piuttosto tesa
Un’assemblea piuttosto tesa

La Banca è precipitata in una significativa crisi per effetto di un deficit di quasi 10 milioni di euro (su un patrimonio di 30), dovuti ad accantonamenti che sono stati introdotti nel corrente anno e che erano stati “dimenticati” negli anni precedenti.

Il Presidente ha rassicurato: vede il bicchiere “mezzo pieno” e respinge le asserzioni di alcuni associati che parlano di gravi carenze gestionali.

Noi, comunque, ci fermiamo qui e rimandiamo tutto alla lettura del comunicato del consigliere Pucci e alla consultazione del bilancio di esercizio del 2013 che potrete presto vedere sul sito web della Banca.

Scarica: L’intervento Serena Pucci

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “CREDITO DELL’AREA PRATESE, SOFFERTA ASSEMBLEA DEI SOCI

Lascia un commento