crisi & povertà. «MA LA QUERCI HA SPESO130MILA EURO IN QUATTRO ANNI!»

Simona Querci. Ha i soldi di Zio Paperone...?
Simona Querci. Ha i soldi di Zio Paperone…?

SERRAVALLE. Abbiamo appurato, dopo aver richiesto i relativi documenti, che le spese del Comune per eventi e manifestazioni culturali da maggio 2012 a luglio 2016 – escludendo i contributi economici alle feste paesane – ha superato la somma di 130 mila euro.

In questa cifra esorbitante non abbiamo volutamente incluso i circa 50-55 mila euro che nello stesso lasso di tempo sono stati a nostro avviso doverosamente spesi per aiutare le pro-loco e i comitati a organizzare quelle feste che caratterizzano in maniera particolare il nostro territorio, valorizzandone le tradizioni culturali e religiose e promuovendo nel contempo la produttività locale, come i festeggiamenti patronali di S. Ludovico a Serravalle e di S. Rocco a Castellina, oppure la Fiera e la Festa Bella di Casalguidi.

Gli oltre 130 mila euro sono stati destinati dall’Amministrazione Comunale a finanziare o cofinanziare le stagioni teatrali all’ex Cinema Eden, le varie stagioni concertistiche, Cgil Incontri, “Serravalle Jazz”, “Serravalle Noir”, e ultimamente – come se non bastasse – anche due nuove iniziative, “Notte di Luna e di Stelle” (dal 2013) e “Serravalle Rock Festival” (da quest’anno).

Tutte iniziative più o meno belle, ma che il nostro Comune sicuramente non si può permettere, considerate le condizioni di ristrettezza economica lamentate più volte negli ultimi anni dal Sindaco e dall’Assessore Fedi.

Abbiamo notato inoltre, curiosamente, come le spese siano cresciute e le iniziative aumentate proprio nell’ultimo periodo, quello più critico, sempre a detta dei nostri amministratori: nel 2015 la somma è di circa 36.500 euro mentre nell’anno precedente risultava di circa 28mila euro.

Elena Bardelli (Fdi-An)
Elena Bardelli (Fdi-An)

Francamente qualcosa non quadra: in sede di Bilancio di Previsione 2016 l’Assessore Fedi inaugura un regime di razionalizzazione delle uscite, tanto da risparmiare addirittura sulla manutenzione ordinaria, ma l’Assessore Querci non solo non riduce gli eventi culturali bensì ne aggiunge di nuovi, omettendo di dirlo in Consiglio.

Cosa concludere? O i soldi ci sono – ma si afferma il contrario per utilizzarli secondo gli scopi e gli interessi dell’Amministrazione, alla faccia dell’opposizione consiliare e dei cittadini – oppure si trovano, sottraendoli ingiustamente ai servizi essenziali alla persona e alla collettività. In entrambi i casi la Giunta si rivela incapace di amministrare il denaro pubblico.

Ci permettiamo infine questa osservazione. Ci risulta che le manifestazioni promosse dal Comune incontrino poco il favore dei serravallini: qualora le casse comunali lo permettano, si propone all’amministrazione di programmare eventi culturali e ludico-ricreativi non decidendoli e calandoli dall’alto, ma dialogando con i residenti e rispondendo alle loro aspettative in questo ambito.

I cittadini non sono spettatori passivi da indottrinare, ma – soprattutto i più giovani – soggetti propositivi e creativi da coinvolgere in prima persona in percorsi partecipativi, potenzialità preziose da valorizzare e impiegare sia nel progettare che nel “fare” cultura dal basso.

Elena Bardelli
Consigliere Comunale Fdi-An

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

7 thoughts on “crisi & povertà. «MA LA QUERCI HA SPESO130MILA EURO IN QUATTRO ANNI!»

  1. IL BONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO. 260 MILIONI DELLE VECCHIE LIRE! SE AVESSI ATTACCATO AD UN PIEDE SERRAVALLE,IO MI TAGLEREI QUELLO.!! IN OGNI MODO PENSO CHE TRALLORI ABBIA DA DIRE QUALCOSA ,OPPURE SI VERGOGNA.!

  2. mi viene in mente il film il gladiatore quando l’imperatore commodo indisse diversi mesi di festeggiamenti quando la popolazione di roma aveva fame…parafrasando una regina di francia se il popolo ha fame che mangi brioches.

  3. Scusate ma queste cose non le posso sentire.
    C’è gente che non lavora, che non sa come pagare le tasse, e si spendono tutti questi soldi?
    Non vi ho votato e ho sempre più la conferma che ho fatto bene.
    E il progetto estivo per i bambini che fine ha fatto?

  4. Ci mancavano le torri della Simona …. ora siamo apposto…. poveri noi…ci mancava il temporale à ciel sereno… che periodo sfigato ! speriamo finisca presto il 2016 ! dopo la dolce primavera ! darà nuovi frutti !

  5. Da notare che gli appuntamenti musicali in particolar modo sono frequentati da gente che viene da fuori…. Ai Serravallini non importano un fico secco, scusate l’espressione.

Lascia un commento