cultura scientifica. MENINGITE IN SALSA LATINA

Ognuno che detenga qualche tipo di potere cerca di trarre il massimo vantaggio da un disagio collettivo...
Allarme meningite
Allarme meningite

ALLARME SOCIALE, panico, corsa al vaccino e dàgli all’untore… fenomeni cui assistiamo quotidianamente anche oggi in Italia, in Toscana per i casi di meningite.

La ragione è da ricercarsi nella mancanza di cultura scientifica – ma anche nella scarsa incisività dell’azione politica in cui si è impantanata la Saccardi, assessore di area vasta ma non di aria e intelligenza.

Lo studio delle materie scientifiche, in Italia, è secondario se non addirittura marginale, oltre al fatto che manca l’investimento di risorse adeguate per la ricerca scientifica che si basa, tranne poche eccezioni, sulla disponibilità di ricercatori che svolgono come volontari il loro lavoro, in condizioni ambientali e con mezzi ridotti al minimo o sotto il minimo.

La ricerca non produce effetti economici immediati, come le banche che vendono spazzatura a peso d’oro con il beneplacito del governo; non è subito spendibile: spesso richiede anni di lavoro senza che si ottengano risultati e soprattutto è difficile, si basa sulla conoscenza di argomenti e metodi complessi che scoraggiano l’indole italica.

meningite
Il vaccino? Ha da venì…

La mancanza di cultura scientifica in senso ampio, ovvero la sottostima dell’importanza delle scienze a partire dalla formazione scolastica a vantaggio delle materie umanistiche (indispensabili e fondamentali nella formazione di un individuo, ma non al punto di monopolizzare l’offerta scolastica), la mancanza delle conoscenze scientifiche di base e quindi della familiarità con i dati e gli strumenti di una corretta e diretta conoscenza dei fenomeni, oltre ad una naturale tendenza alla drammatizzazione producono tutto ciò che si sta verificando intorno a noi come:

  • la promessa da parte delle Regione Toscana di un vaccino gratis per tutti (che però non c’è)
  • l’opinione pubblica sballottata tra notizie fondate e altrettante prive di fondamento, messa nella condizione di dover decidere in proprio se affrontare i pericoli di una malattia che è endemica nell’Africa subsahariana (60% dei casi) ma che qui si manifesta nelle stesse percentuali da decenni dove si sono avuti cluster, cioè piccoli focolai di morbo, in anni e luoghi diversi, adesso qui in Toscana, anni fa in Veneto…
  • Meningococco C
    Meningococco C

    la scarsa se non assente conoscenza della funzione dei vaccini, di ogni ordine e grado, e i loro effetti collaterali, ovvero la relativa pericolosità di un intervento preventivo rispetto alla gravità del male che dovrebbe prevenire

  • l’assalto alle strutture sanitarie, medici di base, prontosoccorso e ospedali, che finiscono per non dare risposte o ne danno di approssimative o tendenziose o peggio, inesatte.

Ognuno che detenga un qualche tipo di potere cerca di trarre il massimo vantaggio da un disagio collettivo che non si sarebbe prodotto se avessimo una preparazione scientifica migliore.

A queste conclusioni siamo giunti parlando con medici, scienziati, compulsando la rete e ascoltando le persone che incontriamo nei vari contesti sociali.

Pensiamoci.

[Paola Fortunati]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

3 thoughts on “cultura scientifica. MENINGITE IN SALSA LATINA

  1. Paola…lo confesso…sono un padre indegno: ho una bimba di 7 anni non vaccinata per la meningite. Dato che penso che il rischio/beneficio del vaccino è comunque migliore che non lasciarla senza ho fissato, con molta calma, conscio che la meningite, c’è c’era, sempre ci sarà, per fine mese, senza correre ne sbattezzarmi. Conscio anche che i ceppi e i sottoceppi sono numerosi, che la copertura non è totale. Conscio che si muore molto di più mentre si attraversa la strada. E’ vero, manca cultura scientifica, manca la voglia di fermarsi cercare l’andamento statistico di un virus. E questo a conferma che nell’epoca dell’accesso facile, facilissimo alle informazioni, la gente è disinformata, ignorante e in definitiva occupata a tirare cazzate su facebook….più che altro. Io non sono vaccinato per la meningite, mia moglie nemmeno a conferma che, avenfdo io 50 anni l’evento non è raro, ma rarissimo…più che altro.
    Si ricordi comunque che questa è la nazione dove la RAI manda in onda l’oroscopo tutti i giorni….

  2. I bambini devono essere vaccinati. Detto ciò, se non si cresce nell’informazione scientifica siamo destinati a farci portare a spasso dagli assessori regionali…☺

Lascia un commento