DA PISTOIA A ROMA AL FIANCO DELLE MAESTRE DIPLOMATE ABILITATE

La protesta delle insegnanti davanti al Provveditorato

PISTOIA. Martedì 11 settembre è prevista a Roma, in piazza Montecitorio, una manifestazione di tutti gli abilitati del mondo della scuola per chiedere che l’emendamento al decreto Milleproroghe sulla riapertura delle GaE approvato al Senato prima della pausa estiva venga approvato definitivamente anche alla Camera, nonostante che sia passato in questi giorni in commissione un emendamento di Lega e M5S teso ad eliminare l’inserimento nelle stesse graduatorie.

A Pistoia per effetto di una sentenza della Corte di Appello di Firenze, dopo il pronunciamento definitivo del Consiglio di Stato che ha riconosciuto il diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/02 come inadeguato per accedere o rimanere in GaE, sono state licenziate 17 maestre- di cui 9 reintegrate sul posto di lavoro grazie al ricorso al Giudice del Lavoro- e circa 400 rischiano di non poter accedere mai più al ruolo.

Dalla nostra città 70 docenti raggiungeranno Roma in pullman organizzati dal Coordinamento DMA-Pistoia; altri si recheranno in piazza Montecitorio con mezzi propri.

Elena Bardelli (Fdi)

Sono attesi da tutto il territorio nazionale oltre un migliaio di insegnanti. Sul pullman per sostenere i diritti lavorativi acquisiti delle maestre saranno presenti le consigliere comunali di Fratelli d’Italia Elena Bardelli ed Emanuela Checcucci, che hanno seguito in prima persona la vicenda delle maestre pistoiesi.

Fratelli d’Italia, M5S e Lega nella scorsa legislatura e in campagna elettorale si sono trovati sulla stessa linea d’onda per chiedere soluzioni adeguate a favore dei precari e in particolare modo per le maestre diplomate, bistrattate dalla “Buona Scuola”: adesso, intendendo respingere alla Camera l’emendamento della senatrice De Petris approvato -si dice per sbaglio- al Senato, i due movimenti politici che guidano il nostro Paese cambiano direzione e stroncano di netto le uniche speranze rimaste in vita per riaprire le GaE agli stessi interessati, prima utilizzati dallo Stato a proprio piacimento e poi gettati sul lastrico.

I nostri rappresentanti alla Camera comunque non si arrendono, promettendo battaglia per ottenere nuovamente le garanzie cancellate in commissione.

Elena Bardelli — Consigliere Comunale Fratelli d’Italia-Pistoia

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento