deiezioni canine. TOLLERANZA ZERO VERSO CHI NON RISPETTA LE REGOLE

Il sindaco Piero Lunardi interviene sulla questione del rispetto delle norme in merito all'accesso dei cani nelle aree pubbliche
Occorre raccoglierla anche quà

SERRAVALLE. Dopo le numerose e continue lamentele da parte dei commercianti e degli abitanti delle varie frazioni, l’Amministrazione Comunale si vede costretta ad intervenire verso coloro che accompagnano i propri cani nelle aree pubbliche, sprovvisti dell’apposito sacchetto per raccogliere le deiezioni.

“Il tema è il rispetto delle regole e della qualità della vita di tutti i nostri cittadini” — dichiara il Sindaco Piero Lunardi.

“Esistono delle norme ben precise secondo le quali chi accompagna cani nelle zone pedonali e nelle aree verdi comprese quelle di libera circolazione degli stessi animali, nei giardini e nei parchi, deve essere munito di mezzi idonei a rimuovere le deiezioni solide degli stessi”.

“Molti cittadini proprietari di cani — prosegue Lunardi — non rispettano affatto tali regole; permettendo ai propri animali di fare i propri bisogni, senza poi provvedere alla rimozione degli stessi”.

“Aldilà delle giuste lamentele che ci sono pervenute da numerosi commercianti e cittadini, riteniamo doveroso intervenire richiamando al rispetto di regole che vanno a beneficio di tutti”.

“Per questo — prosegue Lunardi —  ci sarà tolleranza zero verso coloro che non rispettano le regole, con l’applicazione delle sanzioni previste dall’art. 22, comma 1 della delibera del Consiglio Comunale n. 18 del 07/06/2006 in materia”.

“Faccio appello a tutti i cittadini ad applicare le regole nel rispetto di tutti — conclude Lunardi — ed in particolare chiedo la massima collaborazione a tutti i proprietari di cani al fine di evitare spiacevoli situazioni”.

[fiorati — comune di serravalle]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento