democratici. MANIFESTAZIONE DI PROTESTA CINESE CONTRO IL TIBET

 

Il Dalai Lama

FIRENZE. Oggi, la comunità dei cittadini asiatici di nazionalità cinese scenderà in piazza a Firenze non per protestare contro lo sfruttamento dei loro lavoranti o l’oppressione indotta dalla malavita organizzata dei loro connazionali, men che meno per lo sfruttamento di giovani e meno giovani, indotte alla prostituzione casalinga.

Saranno a protestare contro un profeta della Pace, il Dalai Lama, l’emblema spirituale e politico di un’altra popolazione asiatica quella tibetana, oppressa e perseguitata in casa propria da decenni con una crudeltà, spregiudicatezza e impunità che gridano vendetta alla coscienza di chiunque.

La manifestazione di protesta, non è la prima, avendo avuto un clamoroso precedente a Milano e – a noi osservatori – non ci interessa introdurci nella comprensione delle reali motivazioni che avrebbero indotto la comunità cinese a organizzare la manifestazione che sarà sicuramente molto bene partecipata. Il Dalai Lama è un perseguitato politico da un regime, il suo popolo sconfitto, depredato e umiliato. Vi basta?

Bene, assunto che un corretto approccio democratico e liberale non potrà che garantire e assecondare la manifestazione della comunità cinese, non ci resta che attendere e osservare chi e quanti saranno a fare una contro-manifestazione di protesta in sostegno al Dalai Lama.

Saranno i “dem”, quelle di “non una di meno”, i “girotondini”? Chi sarà a scendere per la contro-manifestazione? E sopratutto, “se non ora, quando”?

[Alessandro Romiti]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento