demokrats. UN NOME, UN PROGRAMMA

Noi siamo il nuovo che avanza: ricollocateci! Non fuggiremo più e risponderemo alle domande. Lo promettiamo!

AGLIANA. “Insieme si cresce”, “Insieme si cambia”, “Insieme si può”, “Se stiamo insieme ci sarà un perché”; c’è di tutto negli slogan del Pd vannucciniano come di tutto e di più c’è tra i suoi candidati in lista.

Ma questa è un’altra storia di cui già abbiamo parlato.

Volantinaggio alla Ferruccia, riserva di voti dem

Vedremo come Ciampolini, Salaris, Pacini, Colò, del Fante (membri della lista stampella antifascista messa a un Pd al collasso) cacciati a pedate o dimessisi dal Pd magnanensiano-mazzettiano-fragaiano sapranno tenere la barra dritta e porre sulla retta via, questi ragazzotti che, per cinque anni, hanno governato senza fare il classico “tubo” e che ora chiedono il voto per cambiare Agliana.

Le facce nuove della politica aglianese, già in fuga

Una altra domanda ci sorge spontanea, direbbe Marzullo: non potevano fare qualcosa quando ne avevano la possibilità? O forse quando il Mangoni governava non c’erano e se c’erano dormivano!Del resto non si ricordano né pubblicamente né a verbale le prese di posizione del leader maximo (Vannuccini), già assessore e per 4 anni e mezzo mica noccioline, in opposizione al Sindaco. Misteri della politica.

Marcello Fondi, al centro fedelissimo (a tutti), paleodem d’acciaio

Ma il top si è raggiunto martedì al mercato della Ferruccia: con Magnanensi nelle retrovie e Mazzetti nell’ombra per dare una verniciata a far credere che, le lobby di cui parlava il SIndaco della dignità, non esistevano.

Sapete Massimino chi ha reclutato per fare volantinaggio? Il nobilhomo Marcello Fondi, vecchio arnese democristiano, poi margheritino, dalemiano, bersaniano, renziano, insomma un dem di quelli buoni per tutte le stagioni e – reggetevi forte ora – l’ex vigile Maurizio Chiti, nonché padre del Nico già assessore alla cultura sotto il regime Magnanensi, che pare stia battendo tutta la Ferruccia a caccia di preferenze per Elena Signori, donna di punta del partito pistoiese intenta a rientrare in Consiglio in tutti i modi.

A sinistra un esemplare di digitaldem e a destra un paleodem: sempre insieme per il nuovo che arretra

Insomma al caro Massimo Vannuccini dobbiamo chiedere: chi sei?

Con Magnanensi, Mazzetti, Ciampolini, Marcello Fondi, Maurizio Chiti, Raffaello Giuntoli, se questo è il nuovo che avanza, stiamo freschi!

[Alessandro Romiti]
alessandroromiti@linealibera.info


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “demokrats. UN NOME, UN PROGRAMMA

Comments are closed.