DIALOGHI SULL’UOMO, “CREATIVITÀ E CAMBIAMENTO” I TEMI DELLA IX EDIZIONE

In programma dal 25 al 27 maggio 2018
Logo Dialoghi sull’Uomo

PISTOIA. Dopo il successo della scorsa edizione, che ha registrato un incremento di quasi il 37,5% di pubblico rispetto all’anno precedente – il festival di antropologia del contemporaneo Pistoia – Dialoghi sull’uomo, promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e dal Comune di Pistoia, ideato e diretto da Giulia Cogoli, sceglie per l’edizione 2018, in programma dal 25 al 27 maggio, il tema “Rompere le regole: creatività e cambiamento”.

Antropologi, filosofi, storici, scrittori, pensatori italiani e internazionali saranno chiamati a riflettere su cosa abbia fatto evolvere la civiltà umana: qual è il motore che spinge costantemente l’essere umano al cambiamento e quanto sia importante rompere le regole per rinnovarsi.

Che cosa è la creatività umana? La sublimazione delle forze evolutive che spingono ogni essere vivente a un continuo adattamento a condizioni mutevoli? In questo senso, gli animali sono creativi? Oppure è un atteggiamento tipicamente umano, connesso alle potenzialità pressoché infinite dell’immaginazione? Il processo creativo è un atto fortemente individuale (il momento dell’intuizione, la classica “lampadina che si accende”) oppure è il prodotto di forze e situazioni storiche e sociali particolari? In questo senso che ne è della creatività in epoche di oscurantismo o sotto i regimi oppressivi? Cosa favorisce la creatività? Tutti i principali studi antropologici oggi mettono l’accento proprio sulle relazioni interculturali come stimolo ai processi creativi. “La creolitudine, il meticciato, gli incroci e le ibridazioni culturali sono stati in tutte le epoche e culture occasione di forte impulso creativo, ecco perché in un momento storico di imponenti flussi migratori, coniugati ad una globalizzazione pervasiva, mi sembra estremamente attuale riflettere da un’angolatura antropologica su cosa sia oggi la creatività e quali siano le sue leve”, dichiara Giulia Cogoli.

Come ogni anno, è pronto il programma di incontri per le scuole secondarie di secondo livello, un vero e proprio mini corso di antropologia culturale per avvicinare gli studenti al tema del festival, che ha coinvolto in otto anni circa 15.000 studenti, dagli istituti di Pistoia e provincia e, grazie allo streaming, anche da tutta Italia.

Il percorso prevede tre lezioni che si terranno al teatro Manzoni di Pistoia e saranno anche fruibili via streaming:

il 17 gennaio l’antropologo Adriano Favole introdurrà il tema di quest’anno dei Dialoghi;

il 7 febbraio lo psicologo cognitivista Paolo Legrenzi parlerà di “Regole e caso nell’arte”;

il 13 marzo lo scrittore Emiliano Poddi terrà la lezione di scrittura “Altre leggi, nero su bianco, vigono qui” (a cura della scuola Holden).

Informazioni: www.dialoghisulluomo.it

[delos]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento