DIFENDERE LA VITA NEL TEMPO DEL DISASTRO DEMOGRAFICO

Parto neonato
Parto neonato

PISTOIA. Sono 38 i piccoli pistoiesi che nel 2015 il Movimento per la vita (Mpv) con il Cav (Centro di aiuto alla vita) hanno aiutato a nascere e 120 le famiglie in difficoltà assistite a Pistoia dai volontari (una dozzina) di questo movimento che domenica prossima, 7 febbraio, come le analoghe strutture nell’intero territorio nazionale, si riunisce con la Giornata per la vita facendo anche un appello “a chi può e a chi vuole per venire a darci una mano sui tanti fronti della lotta per la vita”.

L’appuntamento – informa il presidente Giancarlo Brusoni – è alle 11 nella chiesa della Vergine con il vescovo Fausto Tardelli che presiede la celebrazione eucaristica: subito dopo, nei locali della stessa parrocchia, volontari e amici del Mpv si ritroveranno per un pranzo (ci si può iscrivere telefonando a Giuliana Zoppis 339 8858485) il cui ricavato andrà allo stesso Movimento per contribuire a finanziare le sue attività.

Come tradizione saranno distribuite, anche in altre parrocchie della città, piantine di primule: un simbolo di vita scelto per far ricordare le attività di questo gruppo cui chiunque si può rivolgersi (la sede è in vicolo dei Pazzi) per donare generi alimentari (latte, biscotti …) e altro (giochi, vestitini, scarpine …) ritenuto utile per aiutare le famiglie più in difficoltà davanti alla nascita di un bambino.

Il disastro demografico: l’Italia è il paese più vecchio d’Europa

Questa Giornata cade nel periodo in cui sono stati diffusi i dati demografici, riferiti all’Italia, più drammatici dal biennio della Grande Guerra (1917/18) in poi: per la prima volta, nel 2015, la popolazione residente in Italia è infatti diminuita (di circa 150mila unità) essendo aumentati i decessi con nascite in continuo calo. E la conseguenza di questo declino demografico, come ha sottolineato proprio ieri su “Repubblica” il sociologo Ilvo Diamanti (“Il popolo senza età del Paese vuoto”), sta nell’invecchiamento dell’Italia, il Paese più anziano nell’intera Europa.

Il messaggio dei vescovi: come far “fiorire” la vita

Alla base della Giornata per la Vita, giunta alla 38ma edizione, il messaggio dei vescovi italiani, allarmati pure loro dal “preoccupante calo demografico che in buona parte scaturisce da una carenza di autentiche politiche familiari”.

Nel messaggio 2016 (“La misericordia fa fiorire la vita”) sono riportate chiare parole di Papa Francesco sulle tante “vite” oggi violentate: «Quella dei migranti respinti sui barconi o ai confini dell’Europa, la vita dei bimbi costretti a fare i soldati, la vita delle persone anziane escluse dal focolare domestico e abbandonate negli ospizi, la vita di chi viene sfruttato da padroni senza scrupoli, la vita di chi non vede riconosciuto il suo diritto a nascere».

[Mauro Banchini]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “DIFENDERE LA VITA NEL TEMPO DEL DISASTRO DEMOGRAFICO

  1. Buona sera…solo una considerazione: nel dopoguerra la gente non aveva una lira in tasca e non c’erano politiche per la famiglia….eppure si facevano 3-4-5 figli…mi sa tanto che l’aspetto economico non è il principale.

Lascia un commento