diocesi. TRE NUOVI DIACONI PER LA CHIESA PISTOIESE

Si tratta di Alessio Bartolini, Eusebio Farcas e fratel Antonio Benedetto della Fraternità Apostolica di Gerusalemme.
Eusebio Farcas

PISTOIA. Domenica 13 gennaio, nel giorno della solennità del Battesimo del Signore alle ore 18 nella Cattedrale di San Zeno a Pistoia monsignor Fausto Tardelli celebrerà l’ordinazione diaconale di Alessio Bartolini, Eusebio Farcas e fratel Antonio Benedetto della Fraternità Apostolica di Gerusalemme.

“È una festa per tutta la chiesa diocesana – scrive monsignor Fausto Tardelli — di cui dobbiamo esser grati al Signore. È una sua benedizione infatti poter annoverare tra i ministri della chiesa questi tre nostri fratelli che, a Dio piacendo, sono avviati al Ministero presbiterale.

Alessio Bartolini

Il 13 gennaio è anche la data di ripresa del percorso diocesano al diaconato permanente, dopo qualche anno di interruzione e di ripensamento.

Il ministero del diaconato, segnato costitutivamente dalla dimensione del servizio a Dio, al popolo di Dio e in special modo ai poveri, è un bene prezioso che dobbiamo saper apprezzare e valorizzare.

A partire da tutti coloro che già da tempo svolgono questo ministero nella chiesa pistoiese e ai quali dobbiamo esser grati.

Preghiamo allora per coloro che domenica 13 prossima saranno ordinati diaconi, come per coloro che oggi esercitano il ministero del diaconato permanente nella nostra diocesi e per coloro che il Signore chiamerà ad esercitarlo in futuro”.

Fratel Antonio Benedetto

Alessio Bartolini, da qualche anno svolge il ruolo di cerimoniere con il Vescovo.

Eusebio Farcas vive da sei anni nella diocesi di Pistoia dove si è trasferito dalla Romania per continuare la formazione verso il sacerdozio mentre fratel Antonio è priore della Fraternità Apostolica di Gerusalemme.

[Andrea Balli]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT09G0626013807100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento