DISTRETTO RURALE E FORESTALE. APPROVATO IL PIANO DI ATTIVITÀ 2015

Tina Nuti
Tina Nuti

PISTOIA. L’assemblea del Distretto rurale e forestale, che si è riunita il 28 gennaio nei locali dell’Istituto professionale Barone de Franceschi – sede del Distretto – ha approvato all’unanimità il piano di attività 2015, nato dopo un confronto con tutte le realtà territoriali montane per accogliere le necessità di operatori forestali, amministrazioni locali e società civile.

La presidente Tina Nuti, in apertura di seduta, ha riferito l’esito dell’incontro avuto con l’assessore regionale Gianni Salvadori e tre funzionari del Dipartimento ai quali sono state illustrate le attività svolte in questi due anni di lavoro.

L’assessore Salvadori e i funzionari hanno manifestato la loro condivisione e l’apprezzamento per quanto fin qui fatto, come premessa per intraprendere azioni concrete a vantaggio del territorio per lo sviluppo della filiera del legno e del bosco, ed hanno dichiarato la loro disponibilità a sostenere le azioni che il Distretto intende mettere in moto, utilizzando le misure previste dal prossimo Psr (piano di sviluppo rurale).

L’assemblea – prima di arrivare all’esame e all’approvazione delle attività per il 2015 – ha approvato, con voti unanimi, lo Statuto ed il Regolamento del Distretto, che sono stati illustrati dal coordinatore, il funzionario della Provincia Moreno Seghi. Successivamente Carlo Franceschi del gruppo di lavoro, al quale hanno lavorato Alessandro Sabatini e Katiuscia Begliomini, ha evidenziato i risultati del monitoraggio delle necessità del comparto legno/bosco/energia che ha coinvolto 74 aziende iscritte alla Camera di Commercio di varie tipologie (piccole, medie e grandi).

È emersa in tutta la sua evidenza l’inadeguatezza della viabilità forestale per la movimentazione del prodotto, della viabilità pubblica e del sistema infrastrutturale della montagna pistoiese. Le piccole e medie aziende hanno inoltre evidenziato le difficoltà riscontrate nei rapporti con la burocrazia, soprattutto per la parte che riguarda le autorizzazioni, unitamente alle difficoltà di accesso alla innovazione ed alla meccanizzazione.

Recepite le richieste sono state indicate le linee operative: intercettazione delle opportunità di finanziamento del nuovo Psr; manutenzione e sviluppo delle infrastrutture forestali; rafforzare la collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato; interventi per promuovere la filiera del legno e quella del legno energia; interventi per la salvaguardia idrogeologica; revisione di alcune normative e semplificazione burocratica; interventi per la ricomposizione dei fondi boschivi per fini gestionali e produttivi; tenere conto della presenza nel Distretto di una scuola professionale come il Barone de Franceschi, che ha fra le sue attività quella della forestazione e della filiera del legno con stage nelle aziende boschive della montagna.

[puggelli – comune pt]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento