don biancalani. IL COMUNE DI PISTOIA PREFERISCE I MIGRANTI IN MEZZO ALLA STRADA?

Il parroco di Vicofaro si rivolge direttamente al sindaco Tomasi dopo l'assenza del comune al tavolo di lavoro voluto dal Vescovo Monsignor Tardelli.
Il tavolo di lavoro voluto dal Vescovo

PISTOIA. Ho letto la giustificazione che l’Amministrazione comunale di Pistoia ha fatto giungere alla stampa per spigare la propria assenza al tavolo di lavoro voluto dal Vescovo sulla questione migranti ai quali Vicofaro sta tentando di dare un primo aiuto.

Quella seguita dell’Amministrazione comunale di Pistoia è la solita politica che sa solo indicare il problema ma non vuole o non sa dare risposte adeguate ai problemi.

Invece di “aggredire” le cause che generano il fenomeno dell’abbandono sulla strada, senza protezione di tanti giovani migranti tra Firenze, Prato, Pistoia e Lucca, cioè la totale inadeguatezza delle politiche e delle leggi vigenti si prende di mira chi con grandi sforzi sta tentando di soccorrere e dare una prima risposta ad una emergenza.

Ci si rende conto che queste politiche, vedi i recenti decreti Salvini, spingono tanti migranti nel più totale abbandono e talvolta anche in situazioni di illegalità? Vicofaro in questi anni, senza aiuti da parte dello Stato, ha cercato di soccorrere questa umanità abbandonata.

Il Sindaco di Pistoia è consapevole che molti migranti accolti a Vicofaro se non avessero quella opportunità sarebbero costretti a dormire alla Stazione ferroviaria o a bivaccare per le strade centro e che per sopravvivere talvolta si arrangerebbero a rubare o a spacciare?

Don Biancalani

Invece di emettere ordinanze in cui, tra l’altro, si invita un parroco a non fare il suo dovere, cioè di accogliere, perché non si impegna a trovare qualche soluzione? E’ come a livello Nazionale, c’è un complesso fenomeno migratorio e per la politica chi è il problema? I

l Capitalismo sfrenato che impoverisce popoli interi? Le guerre? Le dittature? Le carestie provocate dai cambiamenti climatici? I trafficanti di migranti e gli schiavisti? Gli aguzzini libici pagati con i nostri soldi? No! Sono le ONG, Mimmo Lucano, don Biancalani ecc.

L’Amministrazione di Pistoia apra gli occhi, si prenda le proprie responsobilità e partecipi al tavolo proposto dal Vescovo. Dia una mano a risolvere un problema, faccia qualcosa.

Venga intanto a vedere quello che accade a Vicofaro, venga a vedere quello che fa una piccola comunità, in assenza delle Istituzioni, anzi contro l’ostilità delle Istituzioni. Venga a parlare con i numerosi volontari, tra cui insegnanti, medici, infermieri, avvocati, sindacalisti ecc. che danno tante ore del loro tempo per riempire un vuoto lasciato da chi sarebbe anche retribuito per affrontare le questioni.

Venga anche a sentire l’opinione e le testimonianze degli abitanti del quartiere, si renderà conto che i ragazzi non sono la causa di alcun problema (qui sfido chiunque e qualsiasi comitato), venga, si renderà conto che Vicofaro è soprattutto una risorsa per i rifugiati e per la città e un territorio non un problema, una realtà di cui si dovrebbe essere orgogliosi.

Infine, chiedo troppo all’Amministrazione comunale se qualcuno di loro (assessori o assistenti sociali o lo stesso Sindaco), vuole finalmente farsi carico di Serena e dei cinque cittadini italiani, pistoiesi senza fissa dimora di cui le parrocchie di Vicofaro e Ramini si fanno carico ormai da anni?

Chiediamo troppo? Almeno qui volete fare qualcosa?

don Massimo

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email