“DONA UN ALBERO” PER FARE PRATO PIÙ VERDE

Prato rilancia la sua “Rivoluzione verde” con Prato Forest City. Lanciata ieri la nuova fase del crowdfunding sociale insieme alla presentazione del campo sperimentale dell’Istituto Datini

Dona un albero 1

PRATO. Da ieri è possibile donare un albero alla città per fare Prato più verde: in modo semplice, pratico e personalizzato, legando l’albero ad una persona cara o ad un ricordo, sapendo esattamente dove quest’albero si trova e con la garanzia che qualcuno se ne prenderà cura per farlo crescere.

Prende il via così “Dona un albero”, la seconda fase del crowdfunding sociale di www.pratoforestcity.it, la piattaforma dedicata alla forestazione urbana della città realizzata nell’ambito del progetto europeo Prato Urban Jungle insieme a Treedom. Prato Forest City ha l’obiettivo di accompagnare e documentare la “rivoluzione verde” di Prato: non solo a piantare nuovi alberi, ma promuovere stili di vita sani attraverso le infrastrutture verdi, le “Nature based solutions”, ovvero stimolare la partecipazione diretta di cittadini, scuole, associazioni e imprese alla forestazione e diffondere buone abitudini su come prendersi cura del verde privato ed incentivare comportamenti ecosostenibili nella vita di tutti i giorni.

Con “Dona un albero” si potrà dare alla pianta un nome e scrivere una dedica abbinata che, con un qrcode, verrà visualizzata sul posto e online. Con una donazione di 150 euro si copriranno le spese di acquisto dell’albero scelto, dei materiali di consumo per la messa a dimora e per le cure (irrigazioni) dei primi due anni di vita; il Comune di Prato si farà carico delle spese di posa, manutenzione ed eventuale sostituzione in caso di non attecchimento. L’albero donato sarà piantato nel periodo dell’anno migliore entro 7 mesi dalla donazione, sarà corredato di una targhetta con inciso un numero e il qrcode per visualizzare la dedica.

La messa a dimora delle piante al Datini

Dopo la messa a dimora, le piante entrano a far parte del patrimonio arboreo del Comune, contribuendo a mitigazione del clima e abbattimento di CO₂. Il donatore sarà informato via e-mail dell’avvenuta piantumazione coi riferimenti per geolocalizzarlo. Le prime tre aree dove si può donare un albero sono: Galceti, Via Picasso, Via Caduti senza croce a Maliseti.

La presentazione di “Dona un albero” è avvenuto nel giorno di inaugurazione dell’intervento di forestazione del campo sperimentale dell’ Istituto Francesco Datini realizzato sempre grazie a Prato Forest City. Sempre in questi giorni si è avviata anche la forestazione degli altri 4 siti pilota che facevano parte della prima fase della campagna di crowdfunding: i giardini di Alda Merini, quelli di via picasso, di maliseti e di via Bensa, forestazioni che saranno poi completate grazie alla campagna “Dona un albero”.

L’intervento dell’Istituto Datini, che è stato invece già completato, aveva come obiettivo quello di favorire le attività scolastiche degli alunni iscritti al corso di agraria e di abbattere la barriera naturale tra la scuola e la declassata a ridosso del campo sperimentale.

Attraverso questa campagna sono infatti stati finanziati 20 Olea europaea, 10 prunus spp e 150 vitis vinifera. Grazie quindi al contributo di tutti i cittadini che hanno finanziato questo progetto e al contributo speciale di Vannucci Piante che ha donato gli olivi e gli alberi da frutto, confermando l’impegno e la sensibilità verso i giovani che sono i protagonisti del futuro favorendo in questo caso la didattica e la formazione del corso di agraria.

Il prossimo 26 novembre 2022 l’Istituto Tecnico Agrario Francesco Datini organizza anche gli open day del corso attraverso un tour che consentirà ai futuri iscritti di visionare il plesso scolastico e scoprire le attività del corso scoprendo le serre, i laboratori di chimica e fisica e il campo sperimentale da quest’anno implementato delle sue dotazioni grazie anche a Prato Forest City (per l’open day è necessario prenotarsi su www.datiniprato.edu.it/open-day.

Gli alberi di olivo donati da Vannucci Piante

L’amministrazione comunale ringrazia tutti i cittadini e le imprese del territorio che grazie al loro importante contributo hanno aiutato a forestare i siti pilota ed invita quanto ancora non lo hanno fatto ad un impegno concreto per aumentare il patrimonio verde della città e contribuire così alla riduzione delle temperature ed al contenimento delle emissioni di CO₂.

“Prosegue la forestazione della città con il coinvolgimento dei cittadini, che con Dona un albero avranno l’opportunità di regalare un albero dedicandolo a qualcuno, un modo davvero bello e originale per contribuire al miglioramento della qualità della vita di tutti noi e a rendere la città più bella e più verde” —afferma l’assessore all’Ambiente Valerio Barberis.

“L’Istituto Francesco Datini ha accolto da subito, con grande entusiasmo, il progetto Prato Forest City – aggiunge Francesca Zannoni, dirigente scolastico dell’Istituto Francesco Datini — divenendo destinatario di una donazione di piante che ha permesso l’incremento delle stesse nel Campo sperimentale, luogo privilegiato di osservazione diretta e sperimentazione per gli studenti dell’Istituto tecnico agrario.

La campagna Dona un albero aggiunge un ulteriore valore educativo, che sposa perfettamente gli obiettivi formativi della scuola: la scelta di donare un albero, anziché un altro bene di consumo, è un invito alla responsabilità di cittadini e di abitanti del pianeta, un modo attivo e concreto per educare alla cittadinanza.

Pertanto ai promotori dell’iniziativa un ringraziamento speciale da parte di tutti gli studenti e del personale dell’Istituto Francesco Datini, che fin da oggi si impegnano a sostenere la campagna e a collaborare alla manutenzione e alla cura delle piante donate”.

“Siamo felici di portare la nostra esperienza nella realizzazione di progetti con un impatto ambientale, sociale ed economico a supporto del progetto Prato Urban Jungle – conclude Treedom — Attraverso la creazione della piattaforma Prato Forest City, insieme al Comune di Prato, vogliamo rendere la partecipazione al piano cittadino di forestazione urbana accessibile a tutti. Un modo per rafforzare il legame che, attraverso gli alberi, si può creare tra cittadini, territorio e comunità.”

Per informazioni e chiarimenti: pratoforestcity@comune.prato.it

[comune di prato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email