DOPO LA #VORAGINE: GLI INTERESSI SULL’ACQUA DI FIRENZE

dossier-acqua-sottosuolo-la-citta-invisibileFIRENZE. Abbiamo ancora negli occhi l’enorme voragine causata da una perdita dell’acquedotto che ha squarciato il Lungarno a due passi da Ponte Vecchio. Ancora una volta un disastro che poteva essere evitato.

I fiorentini pagano la tariffa dell’acqua più alta d’Italia e vedono queste risorse sparire in profitti per i soci di Publiacqua spa. Il tutto in spregio al Referendum del 2011 che impedisce l’affidamento ai privati della gestione idrica del Paese. Tanti soldi – ora anche qualcuno tra i “dominanti” lo riconosce (ma dove era in questi anni?) – che invece andrebbero destinati alla manutenzione e all’ammodernamento della rete.

La partita non è limitata solo alle sorti dell’acquedotto. Altre devastazioni ci attendono se non saremo in grado di fermare gli scavi degli inutili e costosissimi tunnel per l’Alta velocità ferroviaria e per la tranvia sotto il centro, per l’enorme cassone sotterraneo da adibire a centro commerciale e alla stazione Av, per la nuova pista di Peretola, le nuove autostrade di cemento che ospitano torrenti come il Mugnone, i parcheggi interrati voluti dal sindaco Nardella.

Nardella fa acquaTutte opere che impattano enormemente sull’equilibrio idrogeologico e che hanno un senso solo nella logica dello sfruttamento neoliberista della città, frutto da spremere e sacrificare sull’altare dello “sviluppo”, che ormai sappiamo essere l’arricchimento di pochi ai danni dell’interesse di tutti.

Molte delle cose che troverete scritte risalgono indietro negli anni, frutto di analisi e studio di persone esperte e prive di connivenze con il potere. Critiche e proposte censurate spesso dal pubblico dibattito per volere della politica e di un’economia che influenzano la stampa embedded [come abbiamo scritto qui http://goo.gl/v0FHlg].

Leggete e condividete questo dossier realizzato in tre parti. E insieme contribuiamo a sostenere i tanti soggetti attivi che si battono per la tutela del territorio e di chi lo abita e per un’inversione di tendenza nelle scelte urbanistiche e ambientali.

>>> Per stampare il pdf del dossier in formato A4 clicca qui

PRIMA PARTE: ACQUA PUBBLICA

Matteo Renzi con Erasmo D’Angelis
Matteo Renzi con Erasmo D’Angelis prima presidente di Publiacqua e poi direttore dell’Unità

Matteo Renzi, prima Sindaco e poi Primo ministro, con Erasmo D’Angelis, prima presidente di Publiacqua e poi direttore dell’Unità.

Perché Publiacqua privilegia i profitti a discapito della manutenzione e dei controlli?
Fonte: Comunicato stampa perUnaltracittà, 25 maggio 2016

Acqua: con la voragine frana il “modello toscano”
Fonte: Forum toscano dei movimenti per l’acqua, 27 maggio 2016

Tariffe dell’acqua: la Toscana maglia nera
Fonte: Francesca Conti, “La Città invisibile”, 22 gennaio 2016

Lo sapevate che… più utili fa Publiacqua e meno ci guadagnano i lavoratori?
Fonte: Redazione “La Città invisibile”, 22 giugno 2015

Publiacqua: 225 chilometri di tubature all’amianto. E nessuna analisi
Fonte: Ginevra Lombardi “La Città invisibile”, 22 ottobre 2015

Publiacqua, ancora +5%. Svelati i segreti della bolletta
Fonte: Rosanna Crocini, Comitato Acqua Bene Comune Pistoia, “La Città invisibile”, 5 ottobre 2015

SECONDA PARTE: ASSALTO AL SOTTOSUOLO

Il “blocco” della falda provocato dalla nuova stazione Tav ai Macelli, stessa cosa fa il tunnel per 7 km
Il “blocco” della falda provocato dalla nuova stazione Tav ai Macelli, stessa cosa fa il tunnel per 7 km

Allarme Mugnone. Quale sicurezza idraulica dopo la Voragine?
Fonte: Redazione “La Città invisibile”, 26 maggio 2016

Lettera aperta al sindaco Renzi sul tunnel TAV
Fonte: Ornella De Zordo, capogruppo perUnaltracittà, 8 dicembre 2009

L’impatto idrogeologico del tunnel Tav sotto Firenze
Fonte: Maurizio De Zordo, Disastro Tav, in Quaderni di inchiesta urbana, Ed. perUnaltracittà, maggio 2009

Parcheggi interrati a Firenze
Fonte: Ilaria Agostini, perUnaltracittà, ReTe dei comitati per la difesa del territorio, 13 giugno 2013

TERZA PARTE: FRAGILITÀ IDROGEOLOGICA

Il reticolo idraulico che sarà stravolto dalla futura pista di Peretola
Il reticolo idraulico che sarà stravolto dalla futura pista di Peretola

Quel ponte sul Mugnone: ecco i rischi
Fonte: Deanna Sardi, Associazione Piazza della Vittoria, “La Città invisibile”, 17 novembre 2014

Il rischio idraulico nascosto sotto la nuova pista di Peretola
Fonte: Paolo Lombardi, Mente locale della Piana, “La Città invisibile”, 5 febbraio 2015

Allagamenti e rischio idrogeologico: ancora criticità
Fonte: Ornella De Zordo, intervento in Consiglio comunale, 4 novembre 2013

>>> Per stampare il pdf del dossier in formato A4 clicca qui

perUnaltracittà

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento